Dopo una settimana di allenamenti, la Nazionale Italiana Youth, ambientatasi bene a Guadalajara, è pronta per iniziare la sua avventura in Messico, dove oggi prenderà il via il 1st AIBA World Boxing Championships, l’appuntamento più importante del pugilato giovanile mondiale, che si concluderà il 1 novembre.
Dai Campionati Mondiali Junior, l’ultima edizione, la quattordicesima, si è svolta ad Agadir in Marocco nel 2006, ai nuovi campionati che vanno a sostituire i precedenti con l’introduzione della qualifica Youth, che corrisponde, in base al riordino delle qualifiche mondiale impartito dall’ente AIBA, agli Juniores di età compresa tra i 17 e i 18 anni.

Nel suggestivo scenario del Gimnasio Ávila Camacho, tra poche ore, con inizio alle ore 14.00 locali (in Italia saranno le ore 21.00), prenderà il via la fase delle Eliminatorie del campionato. Sulla distanza di quattro riprese da due minuti ciascuna, i migliori Youth del mondo inizieranno la loro corsa all’oro.
Già pronti ad infilarsi i guantoni, i tre azzurri che difenderanno il tricolore sono consapevoli dell’impresa che li attende. Anche il più esperto dei tre, Francesco Nespro (Kg. 64), di Torre Annunziata in provincia di Napoli, nato l’8 ottobre del 1990 e proveniente dalla ASD Boxe Vesuviana, che ha già partecipato ai Campionati del Mondo Cadetti nel 2006 svoltisi ad Istanbul, oltre che campione italiano schoolboys nel 2006, medaglia di bronzo ai Campionati Europei Cadetti del 2007 e medaglia d’oro ai Campionati dell’Unione Europea Cadetti (Under 17) del 2007, sa di dover affrontare un campionato di altissimo livello: “Mi sento comunque pronto”.  “Ho atteso tanto questo giorno per salire sul ring e dare tutto me stesso – continua Nespro, agguerrito come non mai – ; poi sono al mio secondo mondiale e quello di Guadalajara, quindi, lo vivrò con maggiore sicurezza. Dal 2006 ho fatto parecchi incontri e ho un po’ più di esperienza. Mi reputo un pugile molto tecnico. Da mancino temo molto il destro ma ancora di più gli avversari più difficili che sono sicuramente i Russi”.
Alla sua prima esperienza in campo mondiale, Gianluca Rosciglione (Kg. 81), di Ficarazzi in provincia di Palermo, nato il 24 novembre del 1990, proveniente dall’ASD Polisportiva Defence Club e campione italiano cadetti nel 2007, non vuole perdere la sua occasione: “Partecipare a questo campionato per me è già una grande soddisfazione e non è da tutti poter affrontare una prova mondiale; questo mi gratifica”. “Ci siamo preparati duramente – continua Rosciglione -, attraverso allenamenti e stage anche con nazionali straniere. Il confronto con realtà molto esperte come quelle internazionali non sarà affatto facile ma io ce la metterà tutta per farmi onore sul ring. Sono un buon attendista e, come dice il mio maestro, la mia boxe è tecnica e pulita. Spero di riuscire ad esprimere sul quadrato la voglia di vincere, ripagando i sacrifici finora fatti”.
Anche per il terzo azzurro in gara, Samuel Giacomoni (+91 Kg.), di Trento, nato il 17 maggio del 1990 e proveniente dall’ASD New Athletic Team Rovereto Boxe, si tratta della meta più ambita e quindi, vada come vada, l’importante è dare il massimo: “E’ tutto l’anno che mi preparo per partecipare a questi campionati. Di sicuro ho meno esperienza rispetto ai miei avversari ma non mi farò condizionare e andrò dritto verso la meta. Sul ring tutto può accadere e la determinazione penso che sia l’arma vincente. E poi questo campionato mi aiuterà a crescere ed affinare il mio pugilato, di tipo universale. Del resto, ho una grande responsabilità vista la categoria di peso che rappresento”.
E come da pronostico del Responsabile Maurizio Stecca, le nazioni più forti partecipano con la squadra al completo. Si tratta di Cuba, della Russia, degli Stati Uniti, dell’Ucraina e della Turchia. L’atmosfera che si respira, infatti, è quella di una Olimpiade: “Nel primo torneo giovanile al mondo – ci informa Stecca –  non ci si aspettava tanta voglia di competizione da parte di tutti i paesi. Un clima decisamente buono che ci fa ben sperare per il futuro del pugilato giovanile. Per ora, però, siamo concentrati in questa prima giornata di gara che vedrà sicuramente all’opera gli azzurri”.
In zona tricolore, ad attendere con ansia l’esito dei sorteggi, che si svolgeranno alle ore 10.30 locali, sono anche il Team Manager Angelo Musone, Consigliere Federale e medaglia di bronzo a Los Angeles ’84, ed il giudice-arbitro Maurizio Forni.

Forza azzurri!

Ufficio Comunicazione FPI
Michela Pellegrini

 

Di Alfredo

Un pensiero su “I nazionali Youth iniziano i Mondiali in Messico”

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi