Al Pala Disfida di Barletta, ieri pomeriggio, si sono affrontati i migliori cadetti del panorama nazionale per l’ambito titolo italiano, alla presenza di un pubblico numeroso.
Indetti dalla Federazione Pugilistica Italiana ed organizzati dall’A.S.D. Accademia Pugilistica Andriese di Andria, con il patrocinio del Comune di Barletta, della Regione Puglia e della Provincia di Bari, i Campionati Italiani Cadetti 2008 anche quest’anno hanno visto l’affermarsi di molti e nuovi pugili che hanno dato prova di grande coraggio e voglia di crescere.

 

Dei ventidue pugili in gara, in rappresentanza di dieci regioni (Sardegna, Lombardia, Lazio, Toscana, Sicilia, Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Puglia e Veneto), undici si sono colorati d’oro sotto gli occhi attenti dell’osservatore nazionale dei campionati Valerio Nati, tecnico federale della Nazionale Italiana Cadetti e della Nazionale Italiana Youth.
Il primo cadetto che ha messo al collo la medaglia d’oro, nei 48 Kg., è stato il sardo Alessandro Cubeddu, dell’ASD Boxing Club Mario Solinas, già campione italiano cadetti nel 2007 e medaglia di bronzo ai Campionati dell’Unione Europea Cadetti del 2007, che ha battuto per 15 a 4, mostrando padronanza del ring, tecnica e velocità, il lombardo Leonardo Lozza, della Pantjers Varese Lauri Boxing Team.
Nei 54 Kg. altra grande vittoria per la Sardegna con Bruno Licheri, dell’ASD Boxing Club Mario Solinas, che lo scorso anno ha vinto il titolo tricolore nella categoria dei 52 Kg., che ha superato per 14 a 6 il laziale Mirko Colaceci, dell’ASD Phoenix Gym. Nei 50 Kg. si è distinto il siciliano Giuseppe Di Maria, dell’ASD Eagle che ha vinto con un vantaggio netto di 12 a 2 sul toscano Francesco Barotti, della Società Pugilistica Massese.
Altra vittoria netta nei 52 Kg. con l’abile abruzzese Alì Hamza, dell’ASD Pugilistica Di Giacomo, che si è imposto per 14 a 4 sul siciliano Vincenzo Chirco, dell’ASD Sala Pugilistica Marsala Ring.
Nei 57 Kg. la boxe veloce del campano Giuseppe Perugino, dell’Ass. Tifata Boxe Prisco Perugino, ha avuto la meglio sul laziale Francesco Splendori, dell’AS Sport Club Setteville, battuto per 15 a 4.
Il Lazio si è poi rifatto nei confronti della Campania nella categoria dei 60 Kg. con Massimiliano Maone, dell’ASD Boxe Gym Trigoria, che, con il punteggio di 11 a 4, ha battuto Vincenzo Contestabile, dell’Ass. Tifata Boxe Prisco Perugino.
Vicecampione italiano cadetti 2007 nei 60 Kg., il campano Donato Cosenza, della Picardi Boxe ASD, quest’anno, in gara nei 63 Kg., con determinazione, è salito sul podio più alto superando per 14 a 6 l’emiliano Dennis Piva, dell’ASD Boxe Le Torri.
Nei 66 Kg. in un incontro combattuto il laziale Giuliano Natalizi, della Boxe Academy Il Gladiatore, ha avuto la meglio, a partire dalla quarta ripresa, battendo per 15 a 11 l’atleta di casa, il pugliese Marvin Patruno,  dell’Accademia Pugilistica Andriese.
Ancora più combattuto, fino all’ultimo, il match che nei 70 Kg. ha visto protagonisti il neo campione siciliano Corrado Barone, dell’ASD Tigers Kombact Boxe, ed il lombardo Ivano Inversini, dell’ASS Sportiva Dilettantistica Pugni e Pupe. Con il punteggio di 8 a 7 Barone ha conquistato la medaglia d’oro.
Altra vittoria per il Lazio con Marco Di Luca, dell’AP Roma Tricolore, che nei 75 Kg. ha battuto per 14 a 12 il siciliano Corrado Dugo, dell’ASD Eagle.
Ultimo incontro dei campionati, quello degli 80 Kg. che ha visto il veneto Gionata Cassol, dell’Union Boxe Ring Castelfranco, diventare il nuovo campione italiano cadetti della categoria grazie alla vittoria per 13 a 11 sul siciliano Luca Laudani, dell’ASD Boxe Club Catania.
Il Lazio ha conquistato, dunque, il primo posto nella classifica delle regioni, mentre al secondo si è piazzata la Sicilia ed al terzo la Campania. E la Sardegna si è distinta con il premio andato alla migliore società sportiva dei campionati, con ben due ori che hanno riconfermato il loro valore, che è stata l’ASD Boxing Club Mario Solinas di Alberto Mura.
Uno spettacolo, quello che ieri ha animato Barletta, che fa ben sperare per il futuro: “Gli incontri sono stati tutti molto belli – ha commentato il Presidente del Comitato Regionale Sardegna e componente della Commissione Tecnica per l’Attività Nazionale della FPI Vittorio Lai –  e tra gli atleti da notare sono di sicuro i più esperti Bruno Licheri e Alessandro Cubeddu, oltre a Alì Hamza, che ha combattuto molto bene, e Giuseppe Perugino che, insieme a Licheri, per me è stato il migliore. E’ difficile comunque fare una classifica perché tutti si sono impegnati al massimo dando ottimi risultati. Il  livello è stato tecnicamente alto e l’organizzazione del tecnico Pietro Sgaramella, aiutato dal settore tecnico della FPI, decisamente perfetta. Da questi campionati sono usciti fuori atleti validi su cui poter lavorare a livello nazionale”.
Ad affiancare Vittorio Lai nel tavolo della Commissione Ordinatrice sono stati Aldo Garofalo, Direttore Organizzativo del Settore Dilettanti della FPI, e Lorenzo Delli Carri, Presidente del Comitato Regionale Puglia.

La Giuria d’Appello era formata da Giosuè Vitagliano, componente del Settore Arbitri/Giudici della FPI, e da Carlo Racioppa, Commissario di Riunione del Comitato Regionale Puglia.

La messa in onda delle Finali su RAI SPORT PIU’ è prevista per DOMENICA 2 NOVEMBRE dalle ore 18.00 alle ore 20.00. Da non perdere!

Ufficio Comunicazione FPI
Michela Pellegrini

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi