Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Libri di sport: Il combattimento secondo Bruce Lee | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Libri di sport: Il combattimento secondo Bruce Lee

il-combattimento-secondo-bruce-lee-libro-72964

Il combattimento secondo Bruce Lee – Christophe Champclaux –   Edizioni Mediterranee – Pag. 224 – Euro 24.50.

 

Bruce Lee, l’icona assoluta delle arti marziali, trova in questo libro la vera collocazione umana a reale, sfatando un clichè d’invincibilità offerto in particolare nel cinema, ad uso e consumo di una platea che trova nel personaggio irreale quell’appagamento tipico delle masse. Fondamentale l’introduzione dell’autore, produttore e regista, storico del cinema che apre uno squarcio di verità sui tanti falsi cinematografici, apparsi dopo la morte del Piccolo Drago. In particolare “Bruce Lee, l’invincibile del Kung Fu”. Dove l’eroe non conosceva sconfitte. Non è vero. Joe Lewis, allievo e amico di Lee, dichiarò che, come risulta dai dossier della polizia, molto vinse ma dovette sopportare anche sconfitte come qualsiasi atleta abituato a confrontarsi con i migliori. Nella cronologia della vita e dell’opera del Piccolo Drago, dal 27 novembre 1940 anno della sua nascita, lungo una storia che ancora non si è conclusa, – essendo il personaggio, quello sì, immortale – fino al febbraio 1973, data della morte, dovuta ad un edema cerebrale provocato da ipersensibilità ad un medicinale, la lettura è indispensabile per capire realmente Bruce Lee, che inizia a soli tre mesi l’attività cinematografica in una pellicola girata a S. Francisco e prodotta a Canton, titolata “Golden Gate Girl” di cui si sono perdute le tracce. Guidato dal padre, prosegue l’attività cinematografica e dodicenne, entra in un collegio cattolico a Hong Konk. Studia il Wing Chun, mantiene i contatti col cinema sia pure in ruoli secondari. Nel 1958, ottiene i primi risultati agonistici e nel 1960, si iscrive all’università di Washington. Nel 1965, ormai attore di successo diventa papà. Negli anni successivi diventa il personaggio di spicco del Kung Fu con l’apertura di numerose scuole per apprendere l’arte marziale. Il resto del libro è dedicato alla conoscenza della disciplina in modo dettagliato e bene illustrato.

Giuliano Orlando