David Chianella, 14(4)-3-2, 32enne spoletino ultimo arrivato nella scuderia di Rosanna Conti Cavini, ha ripagato immediatamente la sua manager della fiducia con la conquista del titolo italiano dei piuma a Sequals lo scorso 14 luglio, e l’organizzazione di Grosseto lo ha ricompensato immediatamente con l’opportunità internazionale del titolo dell’Unione Europea detenuto dal compagno di team Domenico Urbano.

Certamente non male questo 2007 per il ragazzo umbro (nato “per sbaglio” a Reggio Emilia), che aveva vivacchiato nella sua precedente esperienza professionistica senza avere modo di evidenziare adeguatamente il suo ottimo pugilato, fatto di grande determinazione e coraggio. Prima che a lui, abbiamo chiesto un parere sulla preparazione atletica di Chianella al maestro Gianni Burli, che lo segue da una vita e ne conosce ogni singolo stato d’animo. Burli ci ha dichiarato che, nonostante la notizia dell’opportunità del titolo dell’Unione Europea sia arrivata da venti giorni, la preparazione procede in maniera molto intensa, con una preparazione di fondo che già era stata eseguita e che è stata solo abbastanza intensificata. Il pensiero del maestro Burli va ai principali di Chianella, operaio di un cartiera in cui svolge anche turni notturni, che sono appassionati di boxe e cercano sempre di venire incontro alle esigenze del ragazzo che a Spoleto, nella sua città, ha parecchie centinaia di accesi sostenitori. Con David Chianella abbiamo parlato principalmente delle sue emozioni.

davide-chianella.JPG
David, qual’é la tua condizione e il tuo stato d’animo?
Sono molto tranquillo, molto concentrato. Temo molto Urbano, perché so che è un pugile molto bravo, anche se non lo conosco. Mi sto preparando alla grande, attraverso varie sessioni di guanti con Gini e gli altri dilettanti della mia palestra di Spoleto.
Qual’é è stata l’emozione, ancora fresca, di diventare campione italiano?
Ricordo una grandissima contentezza, per la quale devo solo ringraziare tutto il team Conti Cavini. Dal mio precedente manager non ero stato preso in grande considerazione, e spesso mi sentivo lasciato solo. Con Rosanna Conti Cavini ho avuto immediatamente l’opportunità del titolo italiano dei piuma, dopo che avevo perso quello dei supergallo. Per me è stata veramente una gran cosa passare con la loro organizzazione.
Combatterai ancora con le telecamere di Rai Sport Sat, con una importante cintura in palio e in una grande serata di boxe. Cosa chiedi al futuro?
Per me è stata già una gran cosa diventare campione italiano. Se dovessi vincere contro Urbano chiederei una sfida al campione europeo, Servidei. Alberto lo conosco bene: abbiamo fatto il militare insieme, eravamo anche nella stessa camera. Sarebbe davvero un bell’incontro!

Ufficio Stampa RCC boxe
Andrea Bacci – conticaviniboxe@libero.itwww.rosannaconticavini.it

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi