Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Pugilato: Workshop sul professionismo organizzato dalla Federazione | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Pugilato: Workshop sul professionismo organizzato dalla Federazione

ROSANNA CONTI CAVINI INTERVIENE SUI RAPPORTI TRA BOXE E STAMPA E CON LE SIGLE INTERNAZIONALI.
Grosseto, 28.10.09

rosanna-conti-cavini-e-la-campionessa-europea-emanuela-pantaniNelle giornate dello scorso weekend le bellezze paesaggistiche di Assisi e dell’Umbria sono state le prime protagoniste del Workshop organizzato dalla Federazione Pugilistica Italiana, vero e proprio seminario sul professionismo italiano, sulle sue problematiche e sui sistemi per poter far sì che il futuro di questo sport sia certamente più florido del momento attuale, fatto di crisi economica e di poche risorse. Le giornate si sono svolte seguendo prima il saluto del padrone di casa, il Sindaco di Assisi, quindi il presidente del Coni, Gianni Petrucci, e degli onorevoli Luciano Rossi, Leonardo Dominici e della senatrice Contini. I primi interventi sono spettati, naturalmente, al presidente federale Franco Falcinelli e al vicario Antonio Del Greco. I temi prescelti sono stati fondamentalmente tre: quello del rapporto tra stampa, marketing e pugilato professionistico, le sue implicazioni legislative e le problematiche sanitarie. Tra i relatori il professor Mario Ireneo Sturla, che ha tenuto una vera e propria “lectio magistralis” su tutto lo scibile di ciò che riguarda il pugile e le sue tutele sanitarie, i giornalisti Narducci e Torromeo, Andrea Locateli della Infront Italy e altri autorevoli professori universitari di diritto. Gli interventi sono stati mediati da Daniele Radaelli della Gazzetta dello Sport il sabato e da Mario Mattioli per la Rai la domenica. Presente, in rappresentanza di Mediaset, il giornalista Giacomo Crosa.

Molte sono state le proposte, le analisi e i suggerimenti proposti in questa due giorni. Tra gli altri pare ormai scontato il ritorno alla divisione tra organizzatore e manager, e lo status professionale di lavoratore autonomo per il pugile, innovazioni da tempo caldeggiate anche da Rosanna Conti Cavini. La stessa manager internazionale, presente non solo come promoter ma anche nella sua autorevole veste di vice-coordinatore del Cep, ha effettuato un intervento che ha suscitato ampi consensi e applausi. Tra i temi trattati da Rosanna Conti Cavini un’ accesa risposta a quello che era stato il quadro catastrofico presentato dal giornalista Torromeo a riguardo dell’attualità della boxe italiana e sui suoi rapporti con la carta stampata. Secondo la manager internazionale il quadro non sarebbe certamente così fosco, ma possibile di ampie e futuri progressi, anche e soprattutto sotto il profilo dei “personaggi-pugili” e sulle loro possibilità di successi sportivi. Certamente il pugilato italiano ha bisogno di avere attenzione dalle tv e dai media, ha ricordato Rosanna Conti Cavini, ha bisogno di risorse economiche, di grande partecipazione di sponsor privati e istituzionali, e di grandi innovazioni dal punto di vista burocratico e legislativo. Rispetto a tanti interventi la manager internazionale ha centrato il suo obiettivo sulla deludente attività degli ultimi anni dell’Ebu e degli Enti internazionali ritenuti più importanti, e anche in questo quadro ha ribadito di come l’ingresso di altri soggetti, come la Wbf e l’Ibo, siano importanti anche per stimolare una maggiore professionalità di quelli già presenti sui ring italiani. La boxe professionistica italiana ha ampi margini di miglioramento e di attenzione presso il grande pubblico: in questo quadro si inserisce anche il successo che sta avendo “Oltre il ring”, il documentario-film sull’attività della stessa Rosanna Conti Cavini che sarà presentato nei prossimi giorni presso il “Movie & Sport Festival” di Milano.

Ufficio stampa Rosanna Conti Cavini