Aniello Flauto è il maestro di Antonio De Vitis, nonché ottimo anfitrione quando Rosanna Conti Cavini porta la grande boxe a Savigliano. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente nella palestra che gestisce, la “Open Space”, uno degli sponsor della serata, dove tra l’altro lo stesso De Vitis lavora e si allena.

Aniello, come sta andando?
Bene, abbastanza bene. Rispetto alla manifestazione dello scorso febbraio abbiamo avuto delle defezioni da alcuni sponsor, ma era prevedibile. L’inondazione in primavera e questo caos delle borse non è che ci abbiano aiutato. Il Comune ci ha dato la solita grande mano, ma stavolta lo sforzo economico è tutto sulle spalle del sottoscritto e di Rosanna Conti Cavini. Però, essendo sicuri della grande risposta del pubblico, è un sacrificio che facciamo volentieri e a ragion veduta.

Come sta Antonio?
Benissimo. Stavolta abbiamo impostato un lavoro che ci ha portato al peso con un po’ di tempo d’anticipo rispetto al solito. Antonio è già perfetto da punto di vista fisico e psicologico. Abbiamo lavorato molto sulla tecnica, grazie al lavoro di Carmelo Marletta, che ha sostituito Bruno Vottero che, con la nascita del figlio, non ha avuto il tempo necessario come al solito. Abbiamo cercato di lavorare molto sui piccoli difetti che Antonio ancora ha.

Avete studiato Zsolt Nagy, l’avversario per l’ Intercontinentale Wbf dei superpiuma?
Sì, tutto il lavoro fatto è stato impostato sulle caratteristiche di questo atleta. E’ un ragazzo giovane ma che ci è sembrato molto buono e carico. E’ una specie di pitbull come Antonio, uno che si fa largo a suon di montanti per venire dentro e cercare il corpo a corpo. Con Antonio abbiamo curato molto proprio questo aspetto.

Per questo incontro lasceremo il vecchio e glorioso Palaferrua e andremo al Palasport nuovo di via Giolitti.
Sì. Questo nuovo palazzetto è più bello e più grande, gli è stato rifatto il pavimento e possiamo mettere molta più gente a bordo ring.

Come sta seguendo Savigliano l’approssimarsi dell’avvenimento?
Con la solita tensione positiva e il solito entusiasmo. Tutti vogliono molto bene ad Antonio. Certo, le voci di crisi economica creano un po’ di malumore nella gente, ma tenendo i prezzi bassi per la serata (20 euro per il bordo ring, 10 euro per la tribuna con ben cinque incontri professionistici di grande richiamo, ndr) abbiamo cercato di venire incontro al pubblico. Mi aspetto il tutto esaurito, anche perché con i prezzi che abbiamo fissato, oggi come oggi, non ci si va più nemmeno al cinema.

Hai qualcosa da aggiungere, Aniello?
I ringraziamenti per Umberto Cavini e per la signora Rosanna, che fanno molto per mettere in piedi questi avvenimenti a Savigliano. Insieme a loro crediamo molto nel percorso agonistico impostato per De Vitis. Sono dei manager molto seri, i migliori in Italia sotto questo aspetto. Possono stare certi che anche noi daremo il nostro contributo per riuscire a fare quello che ci siamo prefissati.

Ufficio stampa Rosanna Conti Cavini
www.rosannaconticavini.com

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi