di Alfredo Bruno

Una serata da pienone dentro la bella palestra della Body Fight al Mandrione. Si inizia con alcune dimostrazioni di Kick e Full, per passare poi ad alcuni interessanti match tra agonisti. La boxe inizia con due School Boys tutto pepe. Per metà match Bevilacqua si dimostra più intraprendente, ma Marongiu esce bene alla distanza con una boxe più varia per un pari giusto.

 Nel match successivo Doina sembra subire l’iniziativa di Gizzi, che però con il passare dei minuti si disunisce. Gizzi parte da lontano con colpi dritti, ma Doina sembra più preciso. I due tendono più ad ostacolarsi che a boxare. Nel terzo round Gizzi subisce un richiamo e poco dopo deve abbandonare per intervento del medico. E’ un Ranalli molto determinato quello che affronta Ponziani. Dalla corta distanza il pugile della Roma Tricolore sciorina il suo vasto repertorio. Ponziani non sembra in buona giornata e al terzo round s’infortuna alla mano e abbandona. Battisti è più basso di Roello, ma sembra non risentirne costringendolo ad un’affannosa difesa e ad incassare qualche buon gancio destro al volto. Roello capisce che nello scambio non c’è trippa per gatti e comincia a girare con colpi di disturbo. Nel quarto round l’allievo dei Liberati trova la chiave di soluzione coi colpi d’incontro, ma è troppo tardi per ribaltare il verdetto. Il match tra Biasiolo e Andrusyk mette subito in luce la tattica dei due. Il primo si dimostra molto abile dalla corta distanza dove sparacchia serie veloci, l’latro bene in linea cerca di tenere lontano l’avversario coi suoi diretti. Col passare dei minuti Biasiolo trova maggiori difficoltà per accorciare le distanze mentre Andrusyk sembra salire in cattedra per ottenere la vittoria.

Cardone, grande promessa, rientra dopo un discreto periodo di inattività. Il più grande dei Bevilacqua è un pugile abile e sornione. Cardone ha fisico da Hulk e quando parte all’attacco mette paura con colpi poderosi. Bevilacqua ha il merito di non scomporsi contrandolo con il destro. Cardone è discontinuo e paga questa sua discontinuità con il pari. Una manciata di secondi e Cesarini si ritrova ad ascoltare il conteggio sul destro di Marongiu. Il match è cattivo e i due sparano colpi velenosi. Marongiu, guardia a testuggine alla francese, aspetta l’attacco di Cesarini per replicare immediatamente con bordate poderose. L’alta tensione tra i due si spegne solo al gong finale. La vittoria va a Marongiu, pugile in crescita, ma Cesarini gli ha dato filo da torcere. Capuccio e Leuti chiudono la serata. Leuti parte come un razzo costringendo Capuccio allo scambio serrato. Il match entra nel vivo e su attacco di Leuti l’allievo di Centra lascia partire un destro corto micidiale che l’avversario non riesce a smaltire andando al tappeto. Dopo il conteggio Leuti si rialza ma interviene il medico per porre fine al match.
RISULTATI
School Boys -Mosca: Bevilacqua (Body Fight) e Marongiu A. (New Generation Boxe) pari.
Medi: Bevilacqua L. (Body Fight) e Cardone (Roma Tricolore) pari.
Superwelter: Battisti ( Dubla Boxe) b. Roello (Body Fight).
Superwelter: Ranalli ( Roma Tricolore) b. Ponziani ( Talenti Boxe) rsci 3.
Welter: Marongiu E. (New Generation Boxe) b. Cesarini (Body Fight).
Superwelter: Andrusk ( F&C Sporting Club) b Biasiolo ( Body Fight) .
Junior – Mediomassimi: Doina ( ASD Phoenix Gym) b. Gizzi ( Body Fight) rsci 3.
Medi: Capuccio (Boxe The Champion) b. Leuti ( Danilo Boxe) rsc 1.
Arbitri: Gallucci ( c.r.), Mollicone O. (c.r.), Galdieri, Scali, Vincenti, Frascaro.
Medico: dott. Emiliano Bonanni.

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi