Il 19 dicembre sarà una data fatidica e storica nella storia sportiva di Grosseto. Sarà la prima volta che un atleta grossetano combatterà in casa per un Mondiale di pugilato. Emanuela Pantani, campionessa europea, sfiderà sul ring del Palazzetto di via Austria la dominicana Maribel Santana, detta “Vispa”, per il titolo Mondiale Wba dei pesi gallo.

Per Umberto e Rosanna Conti Cavini un successo strategico di importanza colossale: dare alla loro città un titolo di questo prestigio con un’atleta di casa è una soddisfazione che raramente capita in una carriera. La Pantani è ragazza serie e preparata, e merita questa grande chance: professionista dal 2006 ha messo insieme otto incontri tutti vinti, con ciliegina sulla torta del titolo continentale nei supergallo. L’avversaria, “Vispa” Santana, è più giovane di lei di tre anni, ma ha una ben maggiore esperienza sul ring, avendo combattuto già tra volte con una cintura iridata in palio contro atlete di gran nome come la tedesca Menzer e l’argentina Acuna. Per vincere questo incontro ci vorrà la migliore Pantani di sempre e tutto il sostegno della città di Grosseto e della Maremma. Con Emanuela siamo riusciti a scambiare qualche battuta per telefono.

Allora, finalmente ci siamo…
Sì. Devo davvero ringraziare Umberto e Rosanna Conti Cavini: mi avevano promesso questa opportunità e hanno mantenuto la loro parola. Voglio vincere non solo per me e per Grosseto, ma anche per loro.

Su Youtube c’é un filmato di un combattimento della tua avversaria.
L’ho visto. Mi sembra una buona atleta, molto forte fisicamente. Non ha grande intensità, colpisce forte ma una volta ogni tanto. Certo, bisogna valutare che tipo di forza mette quando giunge a bersaglio… Non ha grandissima difesa ma mi sembra che assorba molto bene i colpi. Per batterla non dovrò mettermi sul piano fisico, anche perché sembra che sia più alta di me. Combatte alla “messicana”, con gancioni larghi ma poca tecnica. Io dovrò basarmi invece proprio sulla tecnica e sulla velocità d’esecuzione per prevalere. Comunque è un’avversaria difficile e dovrò essere preparata al meglio il 19 dicembre.

Parliamo proprio di preparazione. Cosa stai facendo?
Ho cominciato da due settimane la preparazione impostata sui due mesi. Per adesso sto curando l’aspetto fisico con velocità e fiato. Il lato tecnico verrà progressivamente , fino a che prenderà tutto il periodo finale. Per adesso il problema è quello della dieta: il limite dei gallo è 53 chili e mezzo, e sarà già quello un bell’avversario! Però credo che anche la mia avversaria soffrirà, perché dal video l’ho vista piuttosto robusta.

Avverti già un po’ di tensione?
No, la tensione la sento solo al momento del peso e un po’ il giorno del match. Adesso manca ancora troppo tempo.

Per la città di Grosseto, il centro principale della boxe italiana secondo recenti studi, il tuo Mondiale è una grande occasione…
Sono molto contenta, e ho visto che alla conferma che il match si farà a Grosseto c’é stato molto entusiasmo da parte di parecchi miei amici e tifosi. Sarebbe stato lo stesso anche se avessi combattuto fuori, ma combattere per il Mondiale a casa mia sarà certamente un’emozione grande e un grandissimo onore. Sono sicura che tutta Grosseto mi sosterrà.

Ufficio stampa Rosanna Conti Cavini – www.rosannaconticavini.com

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi