campionaticadettijuniores.gif Ben quattordici i podi conquistati dagli abili Cadetti, prima classificata la Sicilia, e nove dai sempre più tecnici Juniores, al primo posto la Campania. Un successo che fa ben sperare per il futuro del pugilato italiano, parola dei tecnici Maurizio Stecca e Francesco Damiani. 
Settanta anni portati bene ed un anniversario da ricordare, sottolineato dall’organizzazione impeccabile del padrone di casa Antonio Portoghese.

 
L’ASD Accademia Pugilistica Portoghese questa volta si è superata, offrendo al numeroso pubblico, accorso al Pala Martino di Bari per assistere alle ambite Finali dei Campionati Campionati Italiani Cadetti e Juniores, uno spettacolo davvero entusiasmante. Una full immersion dalla mattina alla sera iniziata con esibizioni di ginnastica artistica, balletti e un’apertura ufficiale in grande stile con una sfilata di bandiere tricolore portate dal ricco staff della società pugilistica. Un presentatore d’eccezione, Mauro Pulpito, che ha dato subito il via agli incontri dei giovanissimi Cadetti, passando la parola allo speaker Alfredo Mentola. Ai posti di partenza, oltre alla Commissione Ordinatrice, fornata da Francesco Scaramuccia, Vittorio Lai, Lorenzo Delli Carri e Anna Sartoro ed alla Giuria d’Appello, formata da Giuseppe Minutoli e Giosuè Vitagliano, anche i dieci arbitri-giudici che si sono succeduti nella valutazione dei verdetti: il laziale Massimo Montanini, il calabrese Pierpaolo Avolio, i tre pugliesi Aniello Palmieri, Maria Rizzardo e Sebastiano Sapuppo, il campano Roberto Pepe, il toscano Marco Celli, il lombardo Piergiorgio Licini, il sardo Antonio Marogna e l’umbro Alessandro Renzini.
dsc_8377.JPG

Al primo gong sono seguiti i quattordici incontri in programma per la qualifica dei Cadetti, che, dalla categoria dei 48 Kg. a quella dei + 96 Kg., hanno sferrato colpi decisi. Ad arrivare prima sul podio è stata la Sicilia con le tre medaglie d’oro di Vincenzo Cappitta (Kg. 50), Antonio Rovetto (Kg. 70) e Gianluca Rosciglione (Kg. 80). A pari merito il Lazio, con la vittoria di Simone Mauro (Kg. 54) e Davide Cenciarelli (Kg. 57), la Sardegna, con quella di Bruno Licheri (Kg. 52), ed Alessandro Cubeddu (Kg. 48), il Veneto con i due ori di Davide Festosi (60 Kg.) e Nicolò Marchiori (Kg. 63) ed la Calabria con i neo-campioni Arcangelo Marseglia (Kg. 86) e Graziano Calabrò (Kg. 96). A seguire l’Abruzzo con Emiliano Spinelli (Kg. + 96) e la Campania con Antonio Aiello (Kg. 66). Miglior pugile dei Campionati è stato l’abile siciliano Gianluca Rosciglione.
E la giornata è continuata nel pomeriggio con la cerimonia di apertura, maxi schermo sempre aggiornato con le immagini degli atleti e le informazioni di ogni incontro; un momento emozionante è stato quello dedicato alle immagini e frasi storiche dell’ASD Accademia Pugilistica Portoghese.
mangiacaprevincenzo.JPG

In sfida sul suggestivo quadrato di una delle location sportive più antiche di Bari sono stati i valorosi Juniores. A conquistare il titolo di campioni d’Italia ben nove rappresentanti di nove categorie di peso. La Campania al primo posto con Vincenzo Mangiacapre (Kg. 64), Valentino Manfredonia (Kg. 75) e Gianluca Galli (kg. 81), che vestono la maglia azzurra. Secondo posto meritato per le altre regioni: la Sicilia con Andrea Miano (Kg. 48), l’Emilia Romagna con El Adibi Mohamed (Kg. 54), il Lazio con Maurizio Biagiotti (Kg. 57), le Marche con l’abile Marvin Perugini (Kg. 60), che si è aggiudicato anche il titolo di Miglior Pugile dei Campionati, la Puglia con Emanuele Lanzalonga (Kg. 69) e la Toscana con Fabio Piazza (Kg. 91).

dsc_8318.JPGOttime performances che hanno evidenziato come si sia alzato il livello tecnico degli Juniores. Parola del Responsabile della Nazionale Juniores Maurizio Stecca e del Responsabile della Nazionale Senior Francesco Damiani. Soddisfazione doppia per il tecnico Stecca che ha ricevuto un premio inaspettato dall’amico Antonio Portoghese: la cintura di Campione d’Italia, l’unica mancante da quel lontano 22 marzo del ’95, giorno dell’incontro vinto nei superpiuma. “Ho finalmente chiuso la mia carriera professionistica”, ha commentato commosso Stecca. E l’entusiasmo ha continuato a salire con i rigraziamenti finali ed i riconoscimenti da parte di Portoghese che sono andati a tutto il Comitato Organizzarore dei Campionati, formato da Vincenzo D’Ambrosio, Raffaella Rossini, Gianni Cristiano, Domenico Coletta, Gianluca Depalo, Maria Rosaria Autorino, Antonella Bottalico e Roberta Rubini, ai consiglieri federali Marcello Stella e Massimo Scioti, alla Regione Puglia, alla Provincia di Bari, al Comune di Bari, al Presidente Sponsorcom Eventi, presente sul ring, Gennaro Aspromonte, al CONI Regionale Puglia ed al CONI Provinciale Bari.
Prima della torta finale e del coreografico balletto brasiliano, a concludere la serata è stato l’incontro femminile tra la pugliese Roberta Rubini e la campana Veronica Annunziata, vinto ai punti dall’atleta di casa.

  

 

Di Alfredo

Un pensiero su “I nuovi Campioni Italiani Cadetti e Juniores 2007.”

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi