Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Karate: Cerimonia di fine corso alla caserma E.I. Bazzani | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Karate: Cerimonia di fine corso alla caserma E.I. Bazzani

di Leandro Spadari

Immagine convenzioneLa mattina di giovedì 20 p.v. si terrà presso la caserma Francesco Bazzani in Roma, sede del 6° Reggimento Genio Pionieri, la cerimonia di premiazione conclusiva del 1° corso di karate realizzato in attuazione della convenzione stipulata tra lo Stato Maggiore dell’ Esercito Italiano e la Fijlkam, Federazione italiana judo, lotta, karate ed arti marziali. Il programma, della durata complessiva di 24 ore, ha visto impegnati 50 militari dei Battaglioni “Trasimeno” e “Nemi” e dell’Ispettorato Infrastrutture e si è incentrato sullo studio delle tecniche fondamentali del karate, ponendo particolare attenzione sulla corretta postura da mantenere nell’esecuzione sia delle tecniche di pugno e relative difese, sia delle tecniche di gamba e spostamenti, studiate anche nel bunkai (applicazione) per un miglior apprendimento delle dinamiche motorie. Saranno presenti alla cerimonia il comandante colonnello Massimo Tuzza, il maggiore Pierluigi Brugnoli, il maggiore Matteo Tuzi, il 1°maresciallo luogotenente Giovanni Giuli, assieme al commissario straordinario  del Comitato regionale Lazio karate Fijlkam, maestro Cinzia Colaiacomo, d.t. del G.S. Fiamme Oro – Polizia di Stato. L’istruttore federale Fabio Aglietti si è avvalso della qualificata collaborazione di atleti di karate di alto profilo, che prestano servizio presso il reggimento:il caporal maggiore  Luigi Pisanti, il caporale Michele Figlia ( atleta dell’Asd Team Karate Ladispoli) ed il geniere Federico Aglietti (atleta del G.S. Fiamme Oro Roma), i quali hanno messo con entusiasmo la loro esperienza al servizio dei commilitoni. (La cerimonia è ad inviti).