Il Centro Sportivo Esercito, dopo l’eliminazione dei due fratelli Melis, è arrivato fino in fondo ai 52simi Campionati Mondiali Militari, in corso di svolgimento a Baku, in Azerbaijan, confermando oggi la prima medaglia e aggiudicandosi la partecipazione alle attese Finali di sabato.

Protagonista dell’ultima corsa all’oro sarà il casertano di Piedimonte Matese Vittorio Jahin Parrinello, campione italiano nel 2005 e 2007, qualificatosi ad Atene in occasione del 2° Torneo AIBA di Boxe per la Qualificazione Olimpica…che oggi, sul ring del Heydar Aliyev Sport Center, ha dato spettacolo nella categoria dei 54 kg. battendo per 7 a 5 l’ukraino Kabanchuk. “Con una bellissima rimonta – ha commentato il Team Captain Cap. Giuseppe Minissale – a partire dalla seconda ripresa che stava terminando con il punteggio di 5 a 2 a favore dell’ucraino. Parrinello ha dimostrato grande concentrazione e freddezza nel trovare la giusta distanza malgrado i punti ‘a schiaffo’ del suo avversario. Il punteggio sinceramente è stato anche troppo stretto rispetto alla differenza tecnico-tattica mostrata da Vittorio. In Finale l’azzurro incontrerà un temibile uzbeko ma le sue condizioni fisiche e mentali sono ottime”.

Prova superata, nonostante il verdetto, anche quella del romano Alessio Di Savino, categoria 57 Kg., campione italiano nel 2005 e nel 2007, che ha fatto parte della spedizione olimpica, dopo essersi qualificato ad Atene con la conquista dell’oro. Di Savino ha dimostrato di essere in perfetta forma fisica e si è confermato medaglia di bronzo nonostante meritasse di più rispetto al suo avversario Ismailov, atleta di casa, che lo ha battuto per 9 a 4. “Non sono solito lamentarmi degli arbitri – il commento del Cap. Minissale ora si fa amaro – ma oggi Di Savino è stato, se così si può dire, parecchio penalizzato. Il pugile di casa avrebbe dovuto essere richiamato per le sue continue scorrettezze fin dalla prima ripresa ed in qualsiasi altro paese del mondo sarebbe stato squalificato entro la terza per le numerose testate. Al termine della seconda ripresa, con il punteggio di 2 a 2, Alessio ha dato una vera e propria lezione di pugilato a tutto lo stadio. Il punteggio finale di 9 a 4, dunque, la dice lunga… Splendido comunque il comportamento sul ring di Di Savino che ha combattuto con la stessa tenacia che lo ha portato ad ottobre, in occasione del Torneo di Ostrava, in cui ha conquistato l’argento insieme a Parrinello e Melis, a battere nei quarti il forte cubano Leon, medaglia d’argento a Pechino 2008. Il bronzo di questo campionato mondiale militare non lo ha accontentato, giustamente, ma posso affermare che Di Savino sta continuando un percorso di grande crescita”.
Domani a Baku sarà giornata di riposo ma non per i due tecnici del Centro Sportivo Esercito Cesare Frontaloni e Michele Cirillo, pronti a dispensare all’angolo gli ultimi consigli al finalista Parrinello.

Soddisfatti del risultato ottenuto e fiduciosi in quello finale sono anche il Team Leader Ten. Col. Walter Borghino e, in veste di arbitro/giudice, Sebastiano Sapuppo.

Per info e risultati www.cism-milsport.org

Ufficio Comunicazione FPI
Michela Pellegrini

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi