Giovedì 17 dicembre all’Allianz Cloud di Milano, la campionessa del mondo dei pesi superpiuma IBF Maiva Hamadouche (Francia, 21-1 con 17 KO) difenderà il titolo contro la serba Nina Pavlovic (6-3-1 con 1 KO) sulla distanza delle  dieci riprese. Questo incontro potrebbe essere il clou in qualunque altra manifestazione, ma allo storico impianto milanese è uno dei tre incontri di cartello insieme alla sfida tra Devis Boschiero (48-6-2 con 22 KO) ed il belga Francesco Patera (23-3 con 8 KO) per il vacante titolo Silver WBC dei pesi leggeri ed alla difesa del campione d’Europa dei pesi supergallo Luca Rigoldi (22-1-2 con 8 KO) contro il britannico Gamal Yafai (17-1 con 10 KO). Un programma che dimostra la volontà degli organizzatori di offrire solo il meglio agli appassionati che seguiranno l’evento su DAZN che lo trasmetterà in diretta. Come sempre, questa ennesima edizione della Milano Boxing Night è organizzata da Opi Since 82, Matchroom Boxing Italy e DAZN.

La 31enne francese Maiva Hamadouche ha debuttato da professionista nel luglio 2013 ed al quarto match ha vinto il titolo francese dei pesi leggeri. Il 21 marzo 2015, al teatro Principe di Milano, ha battuto per knock out tecnico al quinto round l’italiana Anita Torti per il vacante titolo europeo dei pesi leggeri. Si è aggiudicata anche la rivincita superando ai punti la Torti. Nel suo primo tentativo di diventare campionessa del mondo, l’11 novembre 2015 in Belgio, la Hamadouche ha perso ai punti contro la belga Delfine Persoon per il titolo dei pesi leggeri WBC. La francese ha poi vinto quello stesso titolo battendo in due riprese la colombiana Enis Pacheco il 27 maggio 2016 a Parigi. Maiva Hamadouche non ha mai difeso la cintura WBC, ma è scesa di categoria per contendere alla boliviana Jennifer Salinas il vacante titolo dei superpiuma IBF e l’ha vinto ai punti il 10 novembre 2016 a Parigi.  Maiva Hamadouche ha difeso con successo cinque volte la cintura IBF, la più recente contro la messicana Janeth Perez nel luglio dello scorso anno.  

Insomma, la Hamadouche è una delle migliori in circolazione. Da poco, ha firmato un contratto con Opi Since 82 e Matchroom con l’obiettivo di combattere contro la detentrice del titolo WBC Terri Harper (anche lei sotto contratto con Matchroom), contro la regina WBA Hyun Min Choi e contro la nuova campionessa WBO Mikaela Mayer che ha vinto il titolo lo scorso 31 ottobre superando ai punti Ewa Brodnicka (pure quest’ultima fa parte della scuderia Matchroom). “Ho firmato con Matchroom e Opi Since 82 per dimostrare che sono la numero 1 nella categoria dei pesi superpiuma – spiega la Hamadouche – e voglio unificare i più prestigiosi titoli mondiali. Sono pronta ad affrontare qualunque avversaria.”

Per la 23enne serba Nina Pavlovic si tratta della prima opportunità di diventare campionessa del mondo. Professionista dal marzo 2018, ha combattuto in Francia, Italia, Belgio, Svezia, Serbia e Danimarca. Il match italiano risale al 28 aprile 2018, contro Lorena Marasco ed è finito in parità.  

Nel corso della manifestazione del 17 dicembre, il campione d’Europa dei pesi superleggeri Sandor Martin (Spagna, 36-2 con 13 KO) si scontrerà con Nestor Maradiaga (Nicaragua, 8-9-1, 4 KO) in un match ovviamente senza titolo in palio e sulla distanza  delle otto riprese. Il peso superwelter romano Mirko Natalizi (8-0 con 5 KO) sfiderà  Manuel Largacha (Panama, 9-9-6 con 4 KO) sulla distanza delle otto riprese. Infine, il venezuelano Samuel Gonzalez (22-7 con 13 KO) affronterà l’italiano Nicola Henchiri (8-3-2) sulla distanza delle 6 riprese.

 

 

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi