Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

BRANCO RINUNCIA ALLA SFIDA CON MALIGNAGGI | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

BRANCO RINUNCIA ALLA SFIDA CON MALIGNAGGI

Si passa alla difesa obbligatoria con Bundu
Roma, 7 dicembre 2015 – La segreteria generale dell’EBU ha fatto sapere che Gianluca Branco ha rinunciato alla difesa volontaria contro Paulie Malignaggi, programmata per sabato prossimo 12 dicembre a Londra.

Alla luce di questa decisione l’ente europeo ha attivato la procedura prevista a mezzo d’asta perla difesa obbligatoria contro lo sfidante ufficiale Leonard Bundu.

Le offerte relative all’organizzazione del match Branco-Bundu saranno visionate alle ore 12.00 di martedì 29 dicembre prossimo.

Nel frattempo le parti potranno negoziare un accordo a trattativa privata, la cui positiva conclusione potrà essere dimostrata dalla presentazione dei contratti d’ingaggio debitamente firmati.
Revoca temporanea per il francese Achour

In questa medesima data è stata comunicata la decisione assunta dal Consiglio dell’EBU lo scorso 5 dicembre a Vienna, Austria, riguardante la questione che ha interessato il francese Karim Achour, deposto dalla qualità di campione dell’Unione europea dei pesi medi, su informativa della Federazione pugilistica francese, che aveva squalificato il suo tesserato perché trovato positivo al test antidoping eseguito dopo il suo ultimo combattimento del 31 ottobre 2015 a Noisy.le-Grand, valevole per il vacante campionato dell’Unione europea dei pesi medi.

Una successiva nota della Federazione pugilistica francese ha informato l’EBU che il pugile Achour è stato ufficialmente convocato dalla Commissione disciplinare dell’antidoping per un’audizione da tenersi il 6 gennaio 2016.

Questo fatto nuovo ha indotto l’EBU a rivedere la sua decisione del 24 novembre scorso e – in attesa di conoscere gli sviluppi derivanti dal riesame che ci sarà alla data del 6 gennaio prossimo – ha determinato la rimozione del pugile Karim Achour dalla lista dei sospesi ed accantonate momentaneamente le scelte riguardanti il campionato UE dei pesi medi.

Fonte www.sportenote.com