Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

UE: ERITTU DEVE VEDRSELA CON BOGDAN | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

UE: ERITTU DEVE VEDRSELA CON BOGDAN

Roma, 2 dicembre 2015 – La segreteria generale dell’EBU ha diffuso due notizie: una riguarda la difesa obbligatoria del campionato europeo dei pesi mosca tra il campione Thomas Masson e lo sfidante ufficiale Kevin Satchell, che avrà luogo nella località francese di Arras, Lille, il 5 marzo del 2016; l’altra interessa la carriera del peso massimo italiano Salvatore Erittu.

Ieri avevamo dato cognizione di come la sfida per l’Unione europea del pugile sardo, programmata per il 19 prossimo in Finlandia, si era inceppata per un infortunio accaduto al tedesco Erkan Teper. Questi ha dovuto rinunciare alla sua difesa volontaria contro il finlandese Robert Helenius; lasciata vacante la corona continentale, la nuova sfida EBU è stata prevista tra il nordico ed il tedesco Franz Rill, già co-challenger di Erittu.

L’italiano, rimasto nel frattempo disoccupato, deve aspettare che maturino i nuovi termini previsti per il combattimento da disputare contro l’ungherese Zsolt Bogdan, a suo tempo nominato co-sfidante obbligatorio, tenuto nella posizione di “prossimo sfidante obbligatorio” a causa di un infortunio che lo ha reso inattivo per alcuni mesi.

Nel frattempo Bogdan ha in programma una difesa del titolo nazionale da effettuare il 19 dicembre prossimo a Budapest contro Zoltan Csala.

Per il confronto Erittu-Bogdan, da tenersi secondo il procedimento dei termini brevi, l’ente europeo ha stabilito che le buste contenenti le offerte saranno aperte alle ore 12.00 di giovedì 17 dicembre prossimo.

Nel frattempo le parti possono negoziale un accordo a trattativa privata, al termine del quale devono fornire la prova con la consegna dei contratti d’ingaggio debitamente firmati.

Fonte www.sportenote.com