Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Un sioux sul tetto d’Europa: Emanuele Blandamura | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Un sioux sul tetto d’Europa: Emanuele Blandamura

_DSC0028 _DSC0047 _DSC0770Il Palasport di Colleferro ha vissuto la sua serata di gala, grazie alla OPI Since 82 e alla locale Boxe Colleferro, dedicata a Domenico Gravina, fondatore dell’Italpol, appassionato di boxe e gran mecenate nei riguardi di questo sport, con una bella sfida europea tra due italiani, la quinta nella categoria dei medi. Ma quello che è più importante è che su quel trono torna a sedersi un italiano dopo ben 15 anni (2001 Christian Sanavia). Sul tetto che “non scotta” stavolta a guardare l’orizzonte c’è un Sioux e non un Giaguaro, prendendo spunto dai soprannomi di Emanuele Blandamura e Matteo Signani. Al termine di 12 riprese intense è stato stilato un verdetto a maggioranza a favore del pugile veneto residente a Roma. Muraro ha stilato un 1117 a 111 per Blandamura, che in pratica toglie discussione sul dominio del pugile romano, miglior tecnico anche se l’iniziativa un po’ farraginosa spettava a Signani. Per l’arbitro Bianco la boxe aggressiva di Signani, pur monocorde, meritava il verdetto sia pure di 2 punti (115-113), decisivo il cartellino di Massimo Barrovecchio che per un punto vedeva vincitore (115-114) Blandamura che si vedeva dopo due tentativi falliti finalmente cingere la cinta di campione europeo dei medi dal Segretario Generale EBU Enza Jacoponi. Una bella e meritata soddisfazione per l’allievo di Eugenio Agnuzzi, che pur combattendo fin dal quarto round con una fastidiosa ferita all’intaccatura tra zigomo destro e naso ha stretto i denti portando a termine un ottimo match, senza scomporsi di fronte ai continui attacchi di Signani, che intravedeva la clamorosa soluzione. Nella seconda, quarta e quinta ripresa Blandamura aveva improvvisi sprazzi di classe che frastornavano il rivale con una serie velocissima che andava a segno. Signani per la verità ha tenuto sempre l’iniziativa, ma la sua boxe un po’ prevedibile non produceva grossi danni se si eccettua la ferita, anzi il pugile romagnolo a partire dalla sesta ripresa teneva buona compagnia con due spacchetti allo zigomo sinistro. Per certi versi è stata un’occasione ben sfruttata dal romano, e una sprecata dal romagnolo. Nelle ultime riprese un leggero calo di Signani veniva sfruttato dalla maggior precisione di Blandamura e forse questa era l’occasione di un verdetto risicato.

Negli altri incontri il sardo Goddi potrebbe diventare in un prossimo futuro il terzo incomodo nei medi per Blandamura e Signani. Ha un fisico poderoso e dà l’impressione di non esprimere sul ring il suo vero potenziale. Michael Magnesi sembra voler spazzare dalla sua strada qualsiasi ostacolo, un jolly che l’Italia si giocherà al più presto. Negli altri incontri pronostici rispettati con i successi di Lecca, Azzarà e Sinacore.

Risultati

Pesi medi – Riccardo Lecca: batte Aleksandar Cigaranovic ai punti

Pesi superpiuma -Michael Magnesi batte Milan Delic kotc 2a ripresa

Pesi supermedi-   Alessandro Sinacore batte Slobodan Culum ai punti

Pesi Supermedi- Michael Azzara   batte  Costantin Pancrat ai punti

Pesi medi -Alessandro Goddi batte Goran Milenkovic ai punti

Campionato Europeo vacante pesi medi

Emanuele Blandamura  batte Matteo Signani ai punti

(aldo bonferru)

Foto di Renata Romagnoli