39mi Campionati Europei Elite
Ankara (Turchia) 15-25 giugno 2011

Nella prima sessione dei Quarti di Finale il tricolore ha già guadagnato tre posti sul podio europeo con tre vittorie limpide e nette. Nei 64 Kg. grazie alla determinazione dell’azzurro Vincenzo Mangiacapre, che ha dominato sul quotato ungherese Kate e che giovedì sarà in corsa per le Finali con l’inglese Stalker. Nei 52 Kg. con il bronzo olimpico Vincenzo Picardi che ha battuto il giovane ma agguerrito Colon e che dopodomani disputerà una finale anticipata contro l’altra medaglia di bronzo olimpica, il russo Balakshin. Nei 60 Kg. con il campione mondiale Domenico Valentino che ha superato di netto lo svedese Kaya e che affronterà in Semifinale l’ucraino Volodymyr Matviichuk . Nei 56 Kg. l’esperto Vittorio Jahin Parrinello purtroppo non è entrato nel match ed è stato battuto dal rumeno Andreiana.
La Squadra Azzurra Elite, in gara nei Quarti di Finale dei 39mi Campionati Europei Elite, ha già guadagnato tre posti in Semifinale. Medaglie di bronzo sicure nei 64 Kg., 52 Kg. e 60 Kg., i campani Vincenzo Mangiacapre, Vincenzo Picardi e Domenico Valentino ora puntano all’oro.


Mangiacapre, dell’Excelsior Boxe di Marcianise e vicecampione italiano del 2009, oggi ha dato spettacolo nei 64 Kg. sul quadrato di Ankara battendo di netto per 22 a 14 l’ostico ungherese Gyula Kate, medaglia d’argento ai Campionati Europei Elite del 2010, medaglia di bronzo ai Campionati Mondiali Elite di Milano 2009 e tra i partecipanti ai Giochi Olimpici di Pechino 2008. A complimentarsi con l’azzurro è stata tutta la Squadra Ungherese, con grande soddisfazione dei tecnici federali Francesco Damiani, Raffaele Bergamasco e Giulio Coletta. Un match portato avanti con intelligenza e determinazione. Un sorprendente Mangiacapre che, seppur meno esperto del suo avversario, ha saputo gestire con disinvoltura le tre riprese, puntando sulla forza e velocità. Astuto, concentrato e pronto a rimettersi subito in gioco: “Ero già convinto prima di salire – ha commentato l’azzurro -, sicuro di battere un avversario difficile ma non impossibile. E così è stato. Fin dal primo round ho capito come muovermi. Aspettavo che si facesse sotto e che cadesse sui colpi per poi attaccarlo in potenza. Con il gancio destro l’ho messo in difficoltà fino ad innervosirlo. Kate ha iniziato ad entrare a testa bassa e non è più riuscito a portare un colpo. Sono contento e a partire da oggi ancora più motivato”. Giovedì in Semifinale Mangiacapre affronterà un altro avversario ostico, l’inglese Thomas Stalker, medaglia d’argento agli scorsi Europei nei 60 Kg. e d’oro al Commonwealth Delhi 2010, che oggi ha superato per 13 a 10 l’armeno Hrachik Javakhyan.
Durissimo il match dei 52 Kg. in cui l’agente delle Fiamme Oro Picardi ha dovuto faticare contro l’irlandese Michael Conlan, giovane e meno esperto del bronzo olimpico ma agguerrito e rapido. Un incontro che all’inizio della prima ripresa ha tenuto con il fiato sospeso l’angolo azzurro, vista l’irruenza dell’irlandese che nella seconda ripresa ha tentato la rimonta pressando di continuo Picardi. L’azzurro, nettamente superiore, ha subito ristabilito i ruoli ed è riuscito a portare i colpi della vittoria entrando con lucidità nella guardia chiusa di Conlan e battendolo per 26 a 20. “Un combattimento di rara intensità – ha commentato il Team Leader e Vicepresidente Federale Alberto Brasca – in cui la vittoria è stata netta e chiara. Picardi è stato generoso come al solito ed ha mostrato di avere un grande cuore. Anche questa volta non ha mancato l’obiettivo”. Giovedì Picardi disputerà una Finale anticipata contro il fortissimo russo Georgy Balakshin, anche lui bronzo olimpico a Pechino 2008 nei 51 Kg., che oggi ha sconfitto per 16 a 10 il bulgaro Stefan Ivanov.

La terza e meritata vittoria dell’Italia è arrivata nei 60 Kg. con il campione mondiale in carica Domenico Valentino, di Marcianise e agente di Polizia, che si è fatto strada in zona podio battendo per 21 a 13 lo svedese Redouane Kaya. Un incontro a senso unico in cui l’azzurro, che ha ritrovato l’energia e la concentrazione di un tempo, ha lasciato poco spazio al suo avversario colpendolo con velocità ed evitando i suoi attacchi, comunque serrati. “Stasera – sottolinea il dott. Brasca – ho rivisto il vero Valentino. Tecnicamente accorto e lucido nel portare colpi efficaci. Ha annullato un avversario difficile e ci ha creduto fino in fondo”. In Semifinale si batterà con l’ucraino Volodymyr Matviichuk, altro atleta da non sottovalutare, che oggi pomeriggio ha battuto per 20 a 16 il bielorusso Ivan Baranehyk. 
A fermarsi ai Quarti di Finale purtroppo è stato l’azzurro Vittorio Jahin Parrinello, del Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito, che nei 56 Kg. è stato battuto per 8 a 9 dal romeno Nixolae Razvan Andreaiana, medaglia d’argento ai Campionati Mondiali Youth del 2008 e tra i partecipanti ai Mondiali di Milano 2009. “Parrinello non è entrato nel match – il commento deluso del tecnico Bergamasco – e sebbene sopra di un punto nella prima ripresa si è poi spento nella seconda e terza contro un avversario che avrebbe potuto battere. Peccato!”.
Tra poco l’Italia continuerà la sua ascesa al podio negli 81 Kg. con Simone Fiori, in gara con l’irlandese Joe Ward, e nei +91 Kg. con il Capitano Azzurro Roberto Cammarelle, opposto all’ungherese Istvan Bernath.

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi