San Benedetto del Tronto, 20 luglio 2014 – (Bruno Cozzi) – Roberto Bassi vince e convince nel confronto in 6 round contro il rumeno Laszlo Szekeres in una serata gestita presso il bagno Andrea, stabilimento storico di San Benedetto, davanti ad ottimi piatti di pesce con il  tutto esaurito ai tavoli in cui abbiamo notato  una nutrita presenza di ospiti dello sponsor Simone Cannelli ex pugile e dirigente regionale. Perfetta l’organizzazione della Olimpya di Ascoli Piceno che ha siglato la manifestazione. Sei gli incontri dilettantistici, tutti gradevoli ed equilibrati. Su tutti il match nei 60 kg tra Viviani Giampaolo  della Olimpya Ascoli e D’Angelo Andrea della pug. Ascoli 1898. I due ascolani hanno dato vita ad un confronto avvincente senza pause, sotto il segno della bella boxe fatta di azioni e combinazioni tecniche pregevoli . L’ha spuntata ai punti Viviani che, nel tirato confronto, si è fatto notare per qualche azione più limpida. Bene anche Seghetti Eros che ha fatto sua la posta  sul rivale  Maurizi Federico  della pugilistica Kaflot . Seghetti, il ragazzo di Giantomassi, sta crescendo di confronto in confronto; se riuscirà a raggiungere il punteggio entro ottobre per  passare tra gli elite potrebbe essere una ottima pedina per le Marche per i prossimi assoluti. Ma torniamo al clou della serata, tra i pro. E diciamo subito che si è visto un Roberto Bassi in grande spolvero; merito della cura  tecnica del maestro Giantomassi  ha dato i suoi frutti. Belle azioni ragionate e studiate che hanno strappato in più di una occasione gli applausi. Laszlo Szekeres, l’avversario di turno, un collaudatore esperto venuto non certo solo per la passerella, ci ha anche provato ma Bassi era veramente in forma e non si fatto mai sorprendere dalle bordate che cercavano il colpo duro del rumeno. Dopo una prima ripresa di studio, nella seconda Bassi premeva sull’acceleratore e, con precisi sinistri, variava al corpo e volto e chiudeva le azioni con destri precisi che facevano subito riscaldare le mani ai numerosi fans presenti a bordo ring. Seguiva una terza ripresa tranquilla in  cui il pugile locale    gestiva il vantaggio per poi riaccelerare nel quarto tempo in cui il rumeno, per smorzare il momento critico che Bassi gli imponeva, faceva qualche scorrettezza di troppo incappando su un puntuale richiamo ufficiale dell’arbitro Di Clementi. Nel quinto round Bassi dava spettacolo in sinergia con il suo maestro e nell’ ultimo round terminava in crescendo tra gli applausi del pubblico. Una ottima prova per il pugile sambenedettese che si è presentato tirato nel fisico ed in ottime condizioni di forma  che gli hanno consentito un largo verdetto ai punti. Accolto con  grande calore dal pubblico presente Giorgio Campanella ex olimpionico, campione italiano ed europeo . Ufficiali di servizio  Di Clementi, Mecozzi, Battilà, Longarini e Mariani.

Di Alfredo