Addio a Luigi Fasulo, morto stamane all’età di 85 anni a Pozzuoli, grande protagonista della boxe Flegrea negli anni 50. Tedoforo alle Olimpiadi di Roma ’60, fu anche cofondatore di una Società di Pozzuoli. Una delle sue ultime apparizioni in pubblico fu nel 2008 al Memorial in onore di Geppino Silvestri, grande maestro e suo amico. Fasulo pugilisticamente visse nell’età d’oro dei pesi piccoli, combattendo da grande protagonista tra i professionisti. Fu uomo di classifica tra i gallo dove colse successi eclatanti su pugili del calibro di Amleto Falcinelli, Tino Cardinale, Arthur Emboulè, gente dura con esperienza internazionale. Nel 1954 arrivò a battersi per il titolo italiano, il campione era Mario D’Agata, che più tardi diventerà campione europeo e mondiale. Il match si svolse a Napoli, ma una fastidiosa ferita all’occhio lo costrinse al ritiro.

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi