Giornata nazionale dello sport indetta dal CONI anche per la città di Taranto che ha festeggiato lo sport e i suoi valori sani nelle strade della città in cui numerosissimi atleti si sono esibiti nelle varie discipline. Una via Liguria coloratissima per l’occasione, con il ring della Quero-Chiloiro allestito all’angolo con via Molise che ha attirato il pubblico di tifosi tarantini che ha calorosamente seguito i pugili all’angolo rosso nella sfida con Puglia, Basilicata, Abruzzo e Calabria. Nove vittorie e due pari per la Quero, un bel successo per il quale è stato coronato e premiato come miglior pugile della manifestazione il giovanissimo Nicola Cesarano, il quale ha battuto ai punti Antonio Gagliardi della Vincenzo Avolio boxe Castrovillari nella categoria junior 57 kg. Unanime la giuria nell’assegnazione del trofeo della sesta edizione del “Città dei due mari”, l’atleta tarantino infatti, dedito alla sua passione negli allenamenti e in crescita sul ring, ha mostrato un bel pugilato tecnico e pulito, mettendo colpi precisi e tanta grinta in tre riprese di costante attacco e contrattacco sul tempo dell’avversario. Un bel pugile Cesarano, già campione regionale schoolboy 2022 e vincitore del torneo regionale Pb cup, che aggiorna il record a 6 vittorie, 1 pari e 8 sconfitte.

Belle prestazioni anche per gli altri atleti della Quero-Chiloiro, che si sono espressi al massimo nell’entusiasmo di combattere nella propria città. Felice Di Cuia, junior 52 kg, ha vinto contro Pietro Rago della Boxe Castrovillari, in particolare le due prime riprese lo hanno visto in una esibizione tecnica davvero interessante rispetto ai suoi pochi match all’attivo, aggiorna infatti a 2 vittorie e 2 sconfitte. Negli élite 71 kg, ha fatto il suo pugilato in movimento con lunghe leve e vincendo contro un ostico avversario, Alessandro Donvito, che ha superato Luca Scerbo della Invictus boxing club Catanzaro, aggiornando il record a 19 vittorie, 4 pari e 8 sconfitte; vittoria netta per l’élite 80 kg Ivan Gimmi, nello spettacolare match con il bravo Francesco Lobifaro della Pegasus Gym Matera, un incontro molto combattuto in cui Gimmi ha superato per esperienza e iniziativa il pugile lucano, portando così lo score a 15 vittorie e 7 sconfitte. Sempre tra gli élite, il 67 kg Luigi Portino, ha vinto contro Simone Alfano della Boxe Castrovillari, in un match costruito su scambi continui tra i due atleti che non si sono risparmiati nulla, ma continuità e quantità di colpi hanno portato la bilancia tutta a favore di Portino, che aggiorna a 33 vittorie, 5 pari e 18 sconfitte. Hanno gestito con esperienza il match lo junior 46 kg Vincenzo Carparelli (8 vittorie e 3 sconfitte) vincente su Marco Indino della Boxe Tricase e lo schoolboy 52 kg Alessandro Zizzaro (2 vittorie e 4 sconfitte) che ha superato Riccardo Monticelli della Evergreen San Donaci. Tecnica e padronanza di ring poi, per lo youth 71 kg Gaetano Barbati, che ha vinto ai punti l’abruzzese Leonardo Di Giuseppe della Pugilistica Rosetana, aggiornando il record a 9 vittorie, 3 pari e 13 sconfitte, e vittoria per l’élite 71 kg Alessio Ricci, in un debutto impetuoso con Giovanni Conte della Alex Boxe Tricase, anche lui nell’esordio sul ring.

I due pari tarantini sono stati decretati per l’élite 71 kg Giacomo Gioioso, che ha sfidato Emanuele Leonzi della Pugilistica Rosetana e per lo junior 60 kg Domenico Vacca, contro Cristiani Cipriani della abruzzese Pugilistica Giuliese. Gli incontri dilettantistici sono stati preceduti dalle divertenti gare di sparring-io, in cui i baby atleti tarantini si sono divertiti nel pugilato touch: George Caforio, Andrea Battafarano e Samuele Del Gaudio per la qualifica allievi, Vincenzo Quero e Lorenzo Tramontano per i canguri.

 

Di Alfredo