Marco Boezio (Foto Francesco Galeone)L’ippodromo “Paolo VI” di Taranto nel prossimo weekend tornerà ad essere il “tempio” della boxe. Sabato 21 e domenica 22 si terrà il “Quinto Trofeo Magna Grecia” valido come “Sesto Memorial Donato Carelli”. Nel nome dell’indimenticata figura foriera dello sport e del sociale, la Quero-Chiloiro Taranto, di cui Carelli è stato il presidente quando era in vita, promuove una due giorni di alto livello. Riflettori accesi sul match event tra i due pesi Medi professionisti Marco Boezio e Constantin Pancrat, in programma nella prima giornata dell’evento sabato 21.

Marco Boezio, 25 anni, con uno score di 3 vittorie, 2 sconfitte ed un pari, risalirà sul ring a distanza di sedici mesi dall’ultima volta che lo vide protagonista della sfida fuori casa contro il perugino Alex Pippi. Allora Boezio si confermò un fighter tagliente, tanto da lottare sino all’ultimo gong contro un buon avversario, finendo per ottenere un pareggio impregnato di orgoglio. Di valore anche i precedenti incontri che lo hanno visto opposto ad altri avversari onorevoli come l’attuale corona italiana dei Superwelter Vincenzo Bevilacqua ed Erik Bondavalli. Nuovo banco di prova per Boezio sarà il 25enne boxeur italiano di origini rumene Constantin Pancrat, che mostra un record di 5 vittorie e 6 sconfitte. “Prevediamo una sfida spettacolare tra due atleti di valore che sono pronti a non risparmiarsi per il bene dell’arte nobile” commenta Cataldo Quero, tecnico dello staff della Quero-Chiloiro che lancia nuovamente Boezio nella sua vita da professionista. Ancora una vetrina per un atleta che ha impattato egregiamente la sua nuova “dimensione” pugilistica arrivando sino alle semifinali da “Neo Pro”, così come è stato per l’altro compagno lanciato dalla Quero-Chiloiro, Francesco Castellano, in attesa di combattere un nuovo match, che sarà l’ottavo dopo lo score di 4 vittorie, 2 pari ed una sconfitta. “Entrambi sono atleti promettenti, che fanno della passione e della tecnica le armi migliori, con le quali arrivare a giocarsi in un prossimo futuro l’assalto ad un titolo nazionale o intercontinentale”commenta il tecnico Quero.

Il match di Boezio rinverdirà i fasti dell’ippodromo Paolo VI di Taranto come location dei match professionistici. Ha infatti ospitato in passato le sfide del campione “Doc” Vincenzo Quero (anima sempre nella palestra di via Emilia) e di assalti al titolo italiano come il match Mosca degli anni ’90 Castiglione-Ciaramitaro. Ora il presente arricchisce di talento il “Paolo VI” con il 6° Memorial dedicato a colui che fu il suo patron, ovvero Donato Carelli. In suo onore, grazie all’ospitalità delle amministratrici dell’ippodromo Anita e Milva Carelli, si terrà una riunione dilettantistica interregionale il 21 e 22 ottobre, che sarà arricchita dal match “pro” di Boezio, da sfide di light boxe e dal primo dei 4 Criterium regionali che decreteranno i vincitori (individuali e di squadra) della kermesse formativo-giovanile regionale.
Addetto stampa Quero-Chiloiro

Alessandro Salvatore

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi