Etinosa Oliha sul ring di Reitberg, grazie anche alla visione su DAZN, sembra ormai aver convinto anche i più scettici, battendo all’unanimità lo svizzero Faton Vukshinaj. La cintura mondiale IBO dei medi gli appartiene, ma forse, il suo arrivo sembra trasmettere aria fresca che può travalicare in sigle che vanno per la maggiore. Tecnicamente il nostro pugile ha poco da imparare, forse gli manca un briciolo di potenza in più che nella sua categoria non guasta certo. Alla fine delle 12 riprese il divario con il suo avversario è stato netto come dimostrano i cartellini dei giudici: 117-111; 117-111; 118-110, sono numeri che certificano la differenza contro un avversario tutt’altro che malleabile. Vukshinaj non si è dato mai per vinto, rendendo pan per focaccia nei primi 4 round, dopodichè “El Chapo” ha preso il largo sciorinando un destro, montante o gancio, con diritti d’autore. Speriamo che la sua attività non sia relegata soltanto in Germania o in America, un campione della sua portata farebbe comodo anche alla boxe di casa nostra, magari con qualche sacrificio organizzativo.

Foto di Fabio Bozzani

Di Alfredo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: