GALA DELLA BOXE FPI LOMBARDIA
GALA DELLA BOXE FPI LOMBARDIA
GALA DELLA BOXE FPI LOMBARDIA

di Giuliano Orlando

 MILANO. Il Comitato Lombardo della boxe, presieduto da Massimo Bugada, ha fatto un passo indietro, ma al contrario dei gamberi, ha riportato in auge una vecchia abitudine, che nonostante i cambiamenti di costume e mentalità, fa sempre piacere. Parlo dei premi, che sono un riconoscimento vecchio come il cucco, eppure quando li ricevi senti un moto d’orgoglio che ti arriva fino al cuore e trovi il sorriso di circostanza anche se fuori dall’Hollywood, il locale milanese sempre alla moda in Corso Como, piove e fa pure freddo. Nonostante il clima ingrato, alla Festa, perché tale è stata, sono intervenuti non meno di 250 invitati, la maggior parte dei quali residenti in altre provincie, diciamo Varese, Brescia, Bergamo e Como. Mancava qualcuno dei premiati, ma in percentuale minima.

Il presidente Bugada, in giacca e camicia bianca, non chiedetegli anche la cravatta, ha salutato i presenti con le giuste parole di circostanza ricevendo i primi applausi. Da buon lombardo concreto, approfittando della presenza di due consiglieri nazionali, quelli che vanno a Roma per le riunioni indette dalla FPI, dove si risolvono tutti i problemi, ha dato il compito di consegnare a una parte della marea di prescelti i relativi premi. In tal modo la sempre gentile e bella Carlotta Rigatti Luchini e l’inossidabile Salvatore Cherchi, hanno svolto con grande abilità il compito.

Tanti i presenti a tanti anche i premi, che il presidente ha conteggiato in 29 (11 d’oro, 5 d’argento e 13 di bronzo) per i dilettanti delle varie categorie d’età, quindi i professionisti, i manager, i maestri e tra questi i benemeriti, oltre alle società professionistiche che hanno riportato la grande boxe in Lombardia e a Milano in particolare.

Il primo assaggio riguarda i partecipanti ai campionati italiani riservati agli schoolboy, tre hanno conquistato la medaglia di bronzo; Makary Lucas Kg. 70 e Mantovani Riccardo Kg. 40 del Boxe Club Bollate oltre a GaldonI Diego Kg. 42 della Gold Academy Boxing Team. Bronzo anche a Elli Federica Kg. 54 del Boxing Academy Segrate ai campionati jr. femminili, mentre a quello maschile, stesso podio per Rauti Marco Kg. 48 del Francis Boxing Team e Ielmini Oscar Kg. 50 della Master Boxe. Salendo nella categoria youth (17-18 anni) pioggia di medaglie sia nel maschile e ancor più tra le fanciulle.  Ecco le premiate: le medaglie d’oro, ovvero campionesse italiane: Burini Giorgia Kg. 50 della Bergamo Boxe, Scianame’ Evelyn Kg. 57 della BSA Boxing Team e Cantore Alice Kg. 66 del Boxing Academy Segrate. All’argento di Ponari Cecilia Kg. 50 della Elite Boxing Club e alla titolare della Nazionale Femminile Youth Marelli Gloria, della Boxe Cantù. Gli youth giunti al bronzo sono Ben Oun Ezzobair Kg. 67 della Suat Boxe, Nasufi Xhevdet Kg. 71 dell’Acc. 360 & Boxe Caloi e Bertoni Andrea Kg. 86 della Gold Academy Boxing Team. Quest’anno si è svolto il torneo nazionale WBL, femminile, presenti buona parte delle regioni e la Lombardia ha vinto l’oro con la squadra B, con queste atlete: Attalla Cecilia Kg. 50 della Ruan Boxing, Viaro Camilla Kg. 54 della KBK Fighting Club, Lui Ilaria Kg. 57 della Heracles Gymnasium, Soldano Valeria Kg. 60 della Ruan Boxing e Greggio Veronica Kg. 63 del Team Lu. Co. 1950.

Il momento per i medagliati ai due campionati italiani più importanti, quelli riservati agli under 22 e gli assoluti senior. Al primo sono saliti sul podio più alto: Al-Assi Fares Kg. 51 della Danger Boxe Milano, Muscarà Jacopo Kg. 71 del Club Pugilistico Rozzano; Facchini Mattia Kg. 92 della Boxe Lumezzane, bronzo per Nasufi Renato Kg. 75 dell’Acc. 360 & Boxe Caloi. Gli assoluti si sono svolti a Gallipoli nel salento pugliese, e la Lombardia al maschile ha fatto incetta di medaglie anche se è mancato l’oro, che avrebbe meritato. Comunque, una dimostrazione di buona salute generale. Quattro vice campioni in continuo progresso con alcuni giovani promettenti. Sono Al-Assi Fares Kg. 51 della Danger Boxe Milano, Choukhmane Adil Kg. 60 della Pugilistica Brianza, Scalcione Gerardo Kg. 63,5 della Pugilistica Saronnese e Facchini Mattia Kg. 92 della Boxe Lumezzane. Podio (bronzo) anche per MantovanI Valerio Kg. 71 della Little Gym e Ogliari Michele Kg. +92 della VT Boxe. Riconoscimenti anche per le elite Bellusci Jessica Kg. 60 della Ares Boxe, prossima al debutto da professionista e Monteverdi Simona Kg. 63 della Ruan Boxing, sul podio a Massa.

A quel punto il presidente Bugada prende una breve pausa, consentendo ai presenti di passare al buffet, e salutare i campioni presenti, tra i quali Giacobbe Fragomeni, sempre in ottima forma,  attivissimo nella sua palestra nella zona Sempione a Milano.  

 

A consegnare gli attestati al settore PRO, ci ha voluto pensare il presidente stesso, non solo ai campioni, ma anche alle società che da anni operano in Lombardia con impegno, dedizione e importanti risultati, confermati anche nel 2022. “Sono grato per la passione che dimostrano e orgoglioso che facciano parte della nostra regione, sia per il loro passato, il presente e sicuramente nel futuro”.

 

I primi riconoscimento ad Alessandro Cherchi per la OPI 82 e a Mario Loreni per la Promo Boxe Italia. A seguire i tre campioni italiani PRO, il peso mosca in carica Elkadimi Skalli Samir, il leggero Benkorichi Fateh e il welter Esposito Nicholas.  A Bernile Martina e Lorusso Alessio, entrambi campioni d’Europa in carica, rispettivamente nei mosca e nei gallo.

La parte conclusiva viene riservata al mondo dei maestri, i veri artefici nella costruzione dei futuri campioni. Il loro lavoro oscuro viene spesso dimenticato. Il loro impegno è fondamentale per mantenere viva la passione dei giovani per la boxe. Bugada a tale proposito ha voluto ringraziarli tutti e premiare alcuni dei più longevi, aggiungendo: “Su proposta del Comitato Regionale Lombardo, è arrivata dalla Federazione Pugilistica Italiana l’ufficialità a Maestro di pugilato benemerito, quale riconoscimento dei risultati tecnici conseguiti nei loro anni di tesseramento ai seguenti tecnici”. Il riconoscimento è andato a Cherchi Franco, Salvemini Matteo e a Vailati Lucio. Inoltre vengono conferiti ai maestri già benemeriti, una ulteriore onorificenza.

A Iovino Aniello l’onorificenza la Palma di bronzo per i risultati tecnici conseguiti nei suoi 30 anni di tesseramento. A Lauri Antonio Augusto a Leva Antonino e Pierri Biagio, la Palma di d’Argento per i risultati tecnici conseguiti nei loro 40anni di tesseramento. A Bugada Egidio e Castellani Cesare, per i anni di insegnamento, l’onorificenza della Palma d’Oro.

 

La bella serata è finita, questo è il mio pensiero. Invece resta ancora un premio, quello più inaspettato perché assegnato al sottoscritto, ad un giornalista che scrive in piena autonomia sulla rivista della FPI “Boxe Ring” da oltre mezzo secolo, avendola anche diretta per qualche anno, che si diverte a raccontare i mondiali dei professionisti ma soprattutto a seguire i futuri campioni, quando sono ancora in erba.

Tutto ciò lo ha apprezzato Massimo Bugada e ha voluto renderlo pubblico con questo riconoscimento spontaneo. Come spontaneo è il mio grazie.

Di Alfredo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: