E’ Raffaele Laezza ad aggiudicarsi ai punti (con verdetto non unanime) contro Salvatore Costarelli il match clou professionistico del tradizionale Santo Stefano Pugilistico reggiano, organizzato come ogni anno dalla Boxe Tricolore in collaborazione con il promoter Sergio Cavallari e da questa edizione con il partner Olmedo. I due pesi superpiuma del Team Cavallari-Ventura hanno dato vita ad un derby di scuderia equilibrato ed appassionante, con sei riprese ad alta intensità applaudite dal numeroso pubblico del Palahockey.


Nei primi due round il match scorre su un binario favorevole al napoletano modenese d’adozione Laezza, che riesce ad esprimere con grande scioltezza il proprio pugilato d’incontro tutto giocato sul tempismo e sui riflessi: il genovese Costarelli non riesce a trovare il bandolo della matassa e subisce alcuni colpi precisi anche se non potenti, senza mai riuscire a replicare con efficacia. Nella terza ripresa l’incontro cambia: Laezza comincia ad essere meno lucido e preciso, mentre Costarelli inizia ad aumentare il ritmo delle proprie azioni offensive, mettendo a segno alcune belle combinazioni pur senza mai riuscire a salire in cattedra. Il confronto procede in sostanziale equilibrio fino alla conclusione, con i due contendenti a spremere ogni goccia di energia sul ring anche se i colpi puliti sono rari. Applausi del pubblico per i grandi contenuti agonistici, con due giudici su tre a dare vincente Laezza probabilmente in virtù del migliore inizio.
Notevole anche la cornice dilettantistica con ben undici incontri, con protagonisti altrettanti giovani reggiani della Boxe Tricolore contro pari categoria di altre società. Il bilancio per gli allievi dei maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi è positivo, con sei vittorie, un pareggio e quattro sconfitte.
Ottima la prova del prima serie Erik Bondavalli, poi votato come miglior pugile dilettante della manifestazione, contro l’esperto Antonio Talarico della Palumbo Dax Boxe, al 46esimo match in carriera. Bondavalli è riuscito nell’opera di demolizione del pur mai domo avversario sfruttando le proprie leve lunghe e potenti, andando a vincere ai punti senza discussione. Bella prova, precisa ed inesorabile, anche per Martin Mukaj contro Xhelal Tata (Edera Ravenna), mentre il fratello Oldrin Mukaj ha forse voluto un po’ strafare contro Marco D’aurea (Boxe Musella), l’unico in precedenza che era riuscito a sconfiggerlo e che si è ripetuto al Palahockey di misura ai punti al termine di un confronto appassionante. Nette affermazioni per Alex Truzzi contro il ravennate Gianmarco Pinto, fermato dal medico all’inizio del terzo round, ed Alessandro Ferretti, sempre all’attacco contro il piacentino Dumitru, mentre Nunzio Orefice, pur premiato dal verdetto dei giudici, poteva fare di più e meglio contro Biyouche del Boxing Club Medicina. Da applausi anche la vittoria di Beatrice Bottazzi contro Sabrina Fabbri de La Torre Fitness Group (con il suo maestro Gordini che festeggiava i cinquemila incontri seguiti all’angolo!). Ernesto Gio De Barre è riuscito ad ottenere un buon pareggio contro il forte Hyka della Molinella Boxe, mentre Lorenzo Zoretti ha inspiegabilmente perso ai punti dopo aver costretto al conteggio il piacentino Garcia Ortiz (pure ammonito) al termine di un confronto serratissimo. Sconfitti anche Daniele Andreoli, un po’ troppo nervoso contro il forte Giuseppe Maganuca de La Torre Fitness Group, ed Emiliano Martinelli fermato precauzionalmente dal medico contro il modenese Yao Assouman.

 Ufficio stampa Boxe Cavallari

 

Di Alfredo

Un pensiero su “Successo al Santo Stefano Pugilistico reggiano”
  1. laezza ha meritato la vittoria non solo per un buon avvio e una bellissima sesta (ultima) ripresa tutta all’attacco ma perchè all’inizio della seconda ripresa a subito una testata da costarelli dopo la quale a faticato a praticare il suo solitp pugilato per paura di finire l’incontro per la ferita notevole all’arcata sx. BRAVO LAEZZA MERITA IL TITOLO ITALIANO DOPO VERDETTI………

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi