Luciano Lombardi, peso supermedio brianzolo, è uno dei pugili italiani di più lunga militanza e di maggiore e comprovata esperienza. Già più volte sfidante al titolo italiano dei pesi medi, dalla fine del 2009 è campione del Mediterraneo Ibf della sua categoria. Molto amato e seguito nella sua città, Monza, in questi ultimi giorni ha firmato un contratto che lo legherà alla manager Monia Cavini e all’organizzazione di Rosanna Conti Cavini. Il suo prossimo incontro è fissato per questo venerdì, un test-match sulle otto riprese contro Eugen Stan.

-Luciano, come mai il tuo passaggio con Monia Cavini e con l’organizzazione di Grosseto?
-Nella mia carriera ho avuto tanti manager. Non posso naturalmente scendere nel dettaglio dei miei rapporti con ognuno, perché sarebbe scorretto. Diciamo che della famiglia Conti Cavini mi era sempre stato detto bene, ma un po’ la distanza geografica, un po’ altre motivazioni mi avevano sempre fatto rimandare questo passo. Adesso vengo da un momento particolare della mia carriera: quest’anno ho fatto un solo match in Germania ma venivo da più di un anno di stop. Con il mio passaggio con Monia Cavini voglio dare una svolta alla mia carriera, perché ancora mi sento in grado di poter dare il meglio. Però ho bisogno di combattere.

-Hai alle spalle una carriera lunga ma non proprio ricca di soddisfazioni. Come mai?
-Avevo iniziato bene dodici anni fa’, era andato anche in America alla corte di Bob Arum, alla Top Rank. Mi seguiva un bravo allenatore, Miguel Diaz, che mi apprezzava molto e voleva che rimanessi. Invece tornai in Italia: ho avuto una buona prima parte di carriera, poi sono iniziati i verdetti discutibili e le situazioni spiacevoli, sul ring e fuori. Mi è rimasto un sapore amaro in bocca in varie situazioni ed è per questo che voglio ancora dimostrare quello che posso dare a questo sport.

-Sei molto stimato nella tua città e molto seguito. Cosa vuoi dire ai tuoi tifosi?
-Che fisicamente sono integro. Ho un lavoro che mi rende sereno, una moglie che segue la mia carriera e mi consiglia su tutto, un figlio meraviglioso, la sera vado a letto presto, non bevo e non fumo, mi alleno con coscienza e passione. So quello che valgo, tengo i colpi, sono capace a portarne. Sono pronto ad affrontare chiunque nella mia categoria, dal titolo italiano e quello europeo e anche un mondiale se mi chiamassero. Basta solo che abbia qualche match di preparazione alle spalle.

-Rientri venerdì con una riunione nel periodo del Gran Premio…
-E’ una grande ambientazione e ne vado fiero. Per fortuna che ho delle grandi amicizie e dei rapporti di reciproca stima con gli ambienti politici della provincia di Monza-Brianza, tutta gente che sa che tipo di persona sono e quanto valgo. Del resto non per niente vengono sempre tremila persone a vedermi combattere. Il periodo del Gran Premio d’Italia è perfetto per promuovere la boxe. Dopo questo match di rientro mi siederò a un tavolo con Umberto e Rosanna Conti Cavini, senza chiedere o pretendere nulla. Insieme a loro, di comune accordo, vedremo quelli saranno le strade più percorribili per me. Da parte mia sono pronto a tutto, perché sono una persona seria che non lascia mai niente al caso.

Andrea Bacci

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi