Ospite d’onore il campione mondiale Domenico Valentino
San Gemini (TR) – 1 novembre 2009 – ore 8.30

ValentinoI giovanissimi della boxe italiana, primi classificati dei Criterium Regionali, daranno spettacolo a San Gemini presso l’Impianto Sportivo Polivalente Comunale “Campo della Giostra”. Cuccioli, Cangurini e Canguri si metteranno in bella mostra di fronte al campione mondiale Domenico Valentino: “Sarà un piacere scommettere sul futuro del pugilato italiano. Ai giovanissimi pugili consiglio di credere in questo sport e di non abbandonare mai le palestre ma, prima di tutto, di frequentare e concludere la scuola.. il mio unico rimpianto!”.

Gli aspiranti campioncini della boxe si riuniranno domenica 1 novembre in Piazza San Francesco a San Gemini, in provincia di Terni, per ambire al titolo nazionale, dopo essersi classificati ai primi posti dei Criterium Regionali.
A contendersi il titolo italiano saranno le categorie dei Cuccioli, di età compresa tra i 6 e i 7 anni, dei Cangurini, dagli 8 ai 10 anni, e dei Canguri, dagli 11 ai 12 anni.
I Cuccioli, come da regolamento del Settore Giovanile, si cimenteranno nell’attività formativa individuale di tipo ludico-sportivo basata su prove a carattere generale, dai contenuti coordinativi e condizionali, come il salto alla funicella,  e prove a carattere speciale, dai contenuti tecnici-tattici e di coordinazione specifica, come il circuito ed il sacco oscillante. La difficoltà aumenterà per i Cangurini, anche loro impegnati nel salto alla funicella, con l’esecuzione, però, di almeno un incrocio e un salto doppio, nella prova cronometrica su un percorso ortogonale, in cui avranno un solo tentativo di riuscita, e nella prova del sacco oscillante. La responsabilità sarà maggiore per i Canguri, i più vicini al passaggio agli Allievi, che, dopo la prova individuale della corsa piana di 25 metri,  lavoreranno anche in coppia cimentandosi in 4 round di 30 secondi ciascuno, in un completo sparring partner condizionato, che si baserà su figure con il maestro, e cambio guardia, bloccaggi, difese e schivate tra allievi.

Il tutto sotto gli occhi esperti di un grande campione della boxe dilettantistica italiana: l’azzurro Domenico Valentino che sarà ospite d’onore della manifestazione. Dai primi passi nel mondo della boxe presso la società Medaglia d’Oro di Marcianise, consigliato prima da Raffaele Munno e poi dai tecnici Francesco Damiani, Raffaele Bergamasco, Giulio Coletta e Michele Caldarella, l’agente delle Fiamme Oro Valentino, dallo stile e grinta inconfondibili, ne ha fatta di strada, non senza qualche difficoltà: cinque volte campione italiano, dal 2003 al 2007, campione mondiale militare nel 2003, medaglia di bronzo ai Campionati Europei del 2004, olimpionico ad Atene 2004, oro ai Campionati dell’Unione Europea 2005 e 2006 e bronzo a quelli del 2007, oro ai Giochi del Mediterraneo Almeria 2005 e a quelli di Pescara del 2009, bronzo ai Campionati Mondiali in Cina nel 2005, oro al Torneo Wurumqi City Cina 2007, argento ai Campionati Mondiali Chicago 2007, bronzo al  2° Brothers Klichko Cup 2008 in Ucraina, tra i partecipanti ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 e recente medaglia d’oro ai Campionati Mondiali di Milano 2009.

Quasi duecento incontri alle spalle e ancora tanta voglia di arrivare ma soprattutto di dare il buon esempio:”Ai più giovani atleti che rappresentano i campioni di domani – dichiara Mirko – e per questo la Federazione deve riservare il massimo dell’attenzione al Settore Giovanile. I cuccioli, canguri, cangurini per emergere si devono avvicinare sempre di più al pugilato e questi campionati rappresentano una fase di passaggio importante. Mi ricordo che anch’io sono stato un canguro e poi un esordiente cadetto, anche se all’epoca, avevo circa dieci anni, ero cicciotello e, lo ammetto, non molto portato per questo sport. Ho partecipato alle fasi regionali ma senza classificarmi a quelle nazionali che all’epoca si sono svolte a Riccione. Ho dovuto quindi lasciare l’attività per poi riprenderla a quattordici anni, in cui da novizio A, che corrispondeva agli Schoolboys e Cadetti di oggi, ho fatto il mio primo incontro a Torre Annunziata. Sempre lo stesso anno, il 1999, ho fatto i miei primi campionati nazionali e proprio a Tarquinia, dove quest’anno di svolgeranno i Campionati Italiani Assoluti. La data non potrò mai scordamela: era il 15 maggio, il giorno in cui mi sono sposato con Rossana. Quest’anno festeggerò un decennio…. Un bel ricordo che spero possano avere anche i giovanissimi pugili che domenica cercheranno di farsi strada. Sarà un piacere ed un onore scommettere su di loro, un tuffo nei ricordi più belli. A loro consiglio di non abbandonare la palestra, di non mollare mai e credere in loro stessi, coltivando un sogno, e soprattutto di non trascurare gli studi, che sono fondamentali anche per la carriera di pugile. L’unico mio grande rimpianto, infatti, è quello di non aver concluso la scuola. Ora, a venticinque anni, mi ritrovo all’ultimo anno di ragioneria che a breve concluderò. Con queste giovani promesse sono sicuro che porteremo ancora più in alto il pugilato tricolore ed io ce la metterò tutta per non deluderli!”.

A dirigere la manifestazione sarà il Responsabile Federale dell’Attività Giovanile Pino Ghirlanda, supervisore anche della giuria che sarà composta dalla Commissione del Settore Giovanile e Scolastico, ossia dai Sigg. Biagio Zurlo, Stefania Iuppa, Francesco Cutruzzulà, Claudio Bardini ed Enrico Paganini, dal Coordinatore del Settore Tecnici Sportivi della FPI e Consigliere Federale Massimo Scioti e dal Presidente ANAP Gianni Burli.

Di Massimo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi