Milano, 5 febbraio 2013 – Nemmeno il tempo per esultare della vittoria di Caserta contro la Gran Bretagna ed è già ora di una sfida molto delicata, quella di Kiev contro gli Ukraine Otamans di venerdì 8 febbraio, alle ore 19 italiane. Gli ucraini sono quarti nella classifica del Gruppo B, a cinque punti di distanza dalla squadra italiana. A leggere la formazione ucraina si percepisce la volontà degli avversari di vincere in maniera netta, vista la forza e l’esperienza dei cinque pugili che saliranno sul ring. Francesco Damiani e Raffaele Bergamasco, obbligati a un forzato turn-over vista anche la vicinanza delle ultime due sfide contro Kazakhstan e Stati Uniti, schierano una formazione già rodata, che può dare filo da torcere agli ucraini.
Nei pesi gallo, ci si affida alla grande voglia di rivincita di Daniele Limone, il professionista che ha già combattuto due volte, perdendo, in questa stagione e che è alla ricerca del grande risultato. Dopo le comunque buone prove offerte in Galles e in Kazakhstan, Limone si troverà di fronte l’ucraino Mykola Butsenko, giovanissimo talento all’esordio nelle WSB. Per il pugile piemontese può essere l’occasione buona da non fallire.


Quasi proibitivo il compito che attende Charly Suarez, il peso leggero filippino della franchigia italiana che ha già messo insieme due spettacolari vittorie, ma che a Kiev è chiamato a misurarsi con il fenomenale Vasyl Lomachenko, due ori mondiali, due ori olimpici e una imbattibilità che dura dal 2007. Lomachenko, forse il migliore pugile di tutte le WSB, potente e dalla boxe molto spettacolare, si dovrà però guardare dalla voglia di stupire di Suarez, che salirà sul ring con la certezza di avere poco o nulla da perdere: da questi ingredienti e dalla boxe fantasiosa del filippino potrà venir fuori uno spettacolo d’eccellenza.
Michel Tavares, che ha vinto l’ultima prova contro gli USA Knockouts, dopo due sfortunate sconfitte stagionali, è il pugile giusto per non tremare contro il mancino ucraino Ivan Golub, che ha al suo attivo tre netti successi nei suoi primi tre impegni stagionali. Per il francese di Dolce & Gabbana Italia Thunder, la
possibilità di mettere ancora il proprio sigillo e di accreditarsi tra i migliori pesi medi del torneo. Altro match spettacolare è quello che si annuncia nei mediomassimi tra il lituano Vitaljius Subacius, ultimo acquisto di Dolce & Gabbana Italia Thunder, e il locale Oleksandr Gvozdyk, medaglia di bronzo olimpica e
imbattuto in WSB dopo cinque incontri (ha vinto, tra gli altri, anche contro Szello e Benchabla). Subacius handimostrato però in Germania di essere un pugile che non si impressiona davanti a nulla e che ha i pugni giusti per poter risolvere un match in poche battute. Una sfida, questa, che sarà molto dura per entrambi gli atleti.
Nei pesi massimi, toccherà a Matteo Mudugno, il campione italiano professionista della categoria, che ha vinto un incontro nella sfida contro gli Stati Uniti destando una buona impressione. Modugno è chiamato a concedere il bis in Ucraina contro un avversario forte, ma non trascendentale, come l’ucraino Rostyslav
Arkhypenko, già battuto senza troppo affanno dal nostro Clemente Russo nel match di andata a Milano.

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi