Giuseppe Di Micco, con i suoi 24 anni, è una delle giovani speranze della boxe professionistica italiana. ha esordito da prof nel 2008 e, l’anno successivo, al secondo incontro, è passato sotto le cure di Rosanna Conti Cavini. In questi anni ha avuto un crescendo di forma e di risultati che lo ha portato ha quota nove vittorie su altrettanti match, oltre che a farlo diventare co-sfidante al titolo italiano dei supergallo. Attualmente il ragazzo è amministrato dalla manager Monia Cavini.

-Come è iniziato questo anno? Come ti stai preparando?
-Quest’anno è iniziato molto duramente, perche abbiamo ricominciato la preparazione e la dieta per arrivare a 55 kg ed è molto pesante…

-Sei sfidante al titolo italiano dei supergallo senza co-sfidante. Che ne pensi?
-Ho saputo prima dell’abbandono di Deidda e poi di quello di Salvini: per me non fa differenza, basta che ho la sicurezza per combattere per il titolo. Certo così affronterò un avversario che non ho mai visto, ma non è questo che mi crea problemi.

-Che obiettivi vi siete fissati a breve scadenza con il team  e con i tuoi allenatori Marocco e Dominioni?
-Innanzi tutto conquistare questo titolo e poi ogni cosa a suo tempo.

-Dove vuole arrivare Giuseppe Di Micco?
-Come tutti vorrei arrivare ai massimi livelli, ma rimango con i piedi per terra, continuerò sempre ad allenarmi e spero di trovare i miei limiti piu tardi che posso.

-Cosa pensi di promettere alla famiglia Conti Cavini e ai tuoi tifosi?
-Alla famiglia Conti Cavini e ai tifosi prometto di allenarmi al massimo per dare grande spettacolo ai match che mi proporranno e cercare di far togliere qualche soddisfazione vincendo qualche cintura importante.

Andrea Bacci

 

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi