Si è svolta oggi, nella magnifica Sala Giunta di Palazzo H, sede centrale del CONI, a Roma, la conferenza stampa ufficiale dell’evento pugilistico organizzato da OPI Since 82 in collaborazione con Top Rank, previsto per venerdì 28 ottobre all’Atlantico di Roma e trasmesso in diretta streaming su Mola Italia e su ESPN+, con protagonista il peso massimo italiano Guido Vianello nel main event, che sfiderà lo scozzese Jay McFarlane. Partner istituzionali dell’evento il CONI, la Federazione Pugilistica Italiana.
L’avvio della conferenza stampa è di Alessandro Cherchi, in sinergia con il direttore di Mola Italia Goffredo d’Onofrio.
“Siamo qui oggi per celebrare una manifestazione dal forte valore pugilistico e simbolico: sette match professionistici, tre incontri con un titolo in palio, il ritorno in Italia di Guido Vianello da professionista, che non sarebbe stato possibile senza l’alacre lavoro di mio fratello Christian Cherchi con Top Rank. Ringraziamo tutti i nostri partner per il grande supporto: vogliamo mettere le basi per lavorare su Roma con maggiore continuità”
Goffredo d’Onofrio, direttore di Mola Italia, apre il suo discorso con un importante messaggio.
“È giusto che lo spazio principale lo abbiano gli atleti. Ci tengo a dire che Mola ha un forte interesse per il pugilato e il fighting e vogliamo far crescere i nostri atleti e atlete. Domenica compiamo un anno ed è un bel modo di festeggiare: siamo nati da poco, ma abbiamo tanta grinta, come i fighter che salgono sul ring”.
Prima di lasciare la parola ai pugili, spazio all’intervento dell’On. Mariano Angelucci, presidente della commissione sport e turismo di Roma Capitale.
“Come rappresentante istituzionale, sono felice di poter dire che è bello vedere il nostro Guido a casa sua. Siamo una città con una storia importante nel pugilato e come amministrazione siamo al lavoro per dare sempre più spazio allo sport in diverse tipologie di manifestazioni, in futuro ci sarà spazio per continuare a collaborare in prospettiva”.
Spazio alle risposte dei pugili presenti, praticamente tutti i fighter della main card: Guido Vianello, il peso massimo classificato nr.1 in Italia e il suo avversario, lo scozzese Jay McFarlane; Mirko Natalizi, titolare della cintura WBC International Silver dei pesi superwelter e lo sfidante gallese Tony Dixon; Stephanie Silva, campionessa europea dei pesi supermosca femminili; Francesco Russo e Francesco Sarchioto, co-sfidanti al vacante titolo italiano dei pesi superwelter.
I primi a rispondere sono stati proprio Francesco Sarchioto e Francesco Russo, che si contendono la cintura tricolore della Federazione Pugilistica Italiana al limite dei 69 chilogrammi.
“Siamo due bei pugili, io e Russo. Vedremo che succede sul ring, venerdì sera. Sono pronto, sono in forma, mi aspetto di tutto. Preferisco essere di poche parole e far parlare il ring” chiosa Francesco Sarchioto, conciso e determinato.
Francesco Russo ricorda la sconfitta subita un anno fa per KO contro Tony Dixon.
“Mi sento benissimo, le sconfitte che ho subito in passato mi hanno dato la misura di quello che sono: mi sono rialzato, ho lottato, ora eccomi qui. Non vedo l’ora di salire sul ring per dimostrare quanto valgo e conquistare il titolo”.
Stephanie Silva, campionessa europea dei pesi supermosca, difende la cintura contro la polacca Ewelina Pekalska.
“Ho svolto il training camp all’estero ed è molto importante. Sto bene fisicamente, mentalmente anche, sono emozionata di combattere in un evento così rilevante per il movimento italiano. La mia avversaria è combattiva e dura ma sono pronta a difendere la mia cintura!”
Mirko Natalizi e Tony Dixon mostrano assoluto rispetto reciproco e altrettanta fiducia nei loro mezzi.
“Ogni match che faccio è un progresso per me,” dice Dixon, gallese di Mountain Ash “Ma sono venuto qui per fare il mio lavoro e vincere. Sarà un bel combattimento!”
“Non sarà facile, mi aspetto un match competitivo. Ma non do troppo peso a quello che ha fatto in precedenza Dixon: me lo studio al momento. Sono pronto a tutto: sia a una boxe tecnica che ad una battaglia corpo a corpo” risponde il campione WBC Internazionale Silver dei pesi superwelter, Mirko Natalizi.
Tra Guido Vianello e Jay McFarlane c’è una forte tensione agonistica: lo scozzese è molto appariscente e provocatorio.
“Il Jay McFarlane che conoscete non esiste più” esordisce McFarlane “ho avuto problemi personali per tutta la mia carriera ma adesso sono completamente cambiato e non ho mai avuto una forma così smagliante. Sono felice di essere a Roma, è una bella città, ma spero che chi ha fatto il contratto abbia messo in conto che rovinerò la serata di Guido: avete fatto un grande errore!”
La risposta di Guido Vianello è in linea con l’atmosfera del combattimento.
“Sono mentalmente forte. Sono maturo. Sono più confidente di prima. Sono fisicamente forte. Ho avuto una grande esperienza negli anni passati e voglio portare tutto quello che ho imparato sul ring, venerdì sera. Forse McFarlane pensa di poter causare un upset: gli consiglio di godersi Roma, è una bella città. Venerdì sera sul ring sarà un’altra storia”.
Una conferenza stampa vivace che fa da preludio alla grande serata di venerdì sera al Pala Atlantico di Roma. Domani, giovedì 27 ottobre, i pugili si incontreranno per l’ultima volta prima di salire sul ring: cerimonia del peso alle ore 13,00 presso l’Hotel Mercure Rome Airport di Fiumicino.

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi