Domani allo York Hall di Bethnal Green finalmente Emiliano Marsili (+ 42, =1) avrà la possibilità di battersi contro Gavin Gwynne (+16, – 2 ) per il titolo Europeo dei leggeri, lasciato vacante. Il  ”finalmente” sta per il valzer di rinvii con finale a sorpresa di un giorno di anticipo rispetto all’ultima data, che avrebbe dovuto essere definitiva. Per certi versi siamo abituati al peggio, e ci addentriamo quindi nella disamina tecnica del match a cominciare dal peso. Visti di fronte i due atleti sembrerebbero un medio contro un leggero…e speriamo che non sia così. In Inghilterra danno per scontata la vittoria dell’inglese e il perno di questa convinzione sta più nella differenza di età che nel valore effettivo dei due, 47 anni contro 33 anni non sono una bazzecola. Altro vantaggio considerevole è la differenza di altezza tra i due. Marsili in Inghilterra c’è già stato il 20 gennaio del 2012 quando disintegrò a Liverpool per il mondiale IBO il gran favorito Derry Matthews, solo peccato che all’epoca non riconoscevamo l’IBO. Fu un grande incontro contro un fortissimo avversario. Da lì in poi il civitavecchiese, accompagnato dall’inseparabile Mario Massai, passò a più riprese di vittoria in vittoria alla conquista dell’Europeo, dell’Unione Europea, del WBC Silver, dell’Intercontinentale WBA, incontrando fior fiore di avversari. Logicamente con il passare degli anni la sua attività è diminuita ma conserva la freschezza e la determinazione con un allenamento assiduo. Domani è chiamato ad un’impresa che non vogliamo pensare “impossibile” contro tutto e tutti, ancora una volta con Mario Massai, una garanzia da non sottovalutare.

 

Di Alfredo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: