Daniyar-Yeleussinovdi Giuliano Orlando

Scatta la quarta edizione delle World Series Boxing. Dodici franchigie provenienti da Africa, Asia, Europa e Americhe, nel segno di una globalità che l’APB fatica a realizzare nei tempi previsti. Le WSB hanno il vantaggio di mettere a confronto realtà importanti con una formula semplice e di successo, mentre il programma APB è decisamente macchinoso. Per Argentina-Italia appuntamento con Sky Sport 3 hd (canale 203) alle ore 03 di venerdì notte. Sabato differita 7.30 e 14,30. Conducono Mario Giambuzzi e Patrizio Oliva. Le WSB alla quarta edizione mettono sul ring fior di campioni. Nelle formazioni ben nove dei dieci iridati di Almaty e altri venti saliti sul podio, dei 450 pugili che fanno parte dei team, 120 hanno preso parte ai mondiali di ottobre.  La Russia si avvale dei 10 titolari in Kazakistan,dove figurano il campione iridato 2011 e 2013, il mosca Aloyan, i campioni d’Europa Besputin, Chebotarev, Ivanov ed Egorov, gli argenti mondiali  Nikitin (56) e Tishchenko (91), i migliori +91 nazionali: Omarov e Kuzmin a loro volta europei 2010 e 2011, oltre a Gimbatov e Veriasov 21 anni e grandi speranze per Rio. Ha inserito nei 49 kg. Ayrapetyan 30 anni, azero di nascita, una carriera di vertice da capogiro: iridato jr. nel 2002, campione d’Europa 2006 e 2010, bronzo mondiale 2011, titolare a Londra. Nei 56 kg. l’esperto Vodopyanov 26 anni, europeo jr. nel 2005, argento mondiale jr. l’anno prima, svariate volte campione russo, iridato a Chicago 2007, titolare a Pechino 2008 e Londra 2012, presente ai mondiali di  Baku 2011. Questi i migliori, ma nel gruppo figurano giovani di talento che potrebbero esplodere. Non meno forte Cuba, che ha fatto la stessa scelta in merito ai reduci da Almaty. Tutti nelle WSB, per guadagnare dollari e fare utile esperienza. Su tutti, De La Cruz (81) ed Estrada Alvarez (56) oro ai mondiali 2011 e 2013, prima e dopo Londra, il mosca Carranzana ventenne oro olimpico, Yasnier Lopez Toledo (64) bronzo olimpico, due volte argento mondiale (2011-2013), nei welter c‘è Sotolongo, oro a Londra e doppio titolo iridato (2009-2011), per finire con Arisnoidys Despaigne (69) argento iridato, il bronzo Veitia (49), quindi Banteur (75), Perot e Savon (91), Larduet e il giovane talentuoso Toirac nei +91. Questi i top dei caraibici che puntano a vincere il torneo. Nel contempo hanno iscritto Cordero (52), Bazain (64), Gener (69), Galvez Despaigne (75) diciannovenni emergenti, provenienti dai campionati giovanili, pronti alla nuova esperienza. Non meno ambiziosi i titolari uscenti, ovvero i kazaki degli Arlans Astana, detentori del trofeo. Nove dei dieci atleti che hanno preso parte ai mondiali, dove hanno vinto quattro ori due argenti e due bronzi, dominatori assoluti, sono entrati nel team.  Quattro campioni del mondo: Zhakypov (49), Akashalov (64), Alimkhanuly (75) e il capitano della squadra, il welter Yeleussinov (nella foto), che l’AIBA ha premiato come il miglior dilettante del 2013, pugile completo di 22 anni, che i fratelli Klitschko – invitati dal presidente kazako alla premiazione dei campioni mondiali  – hanno già contattato per un eventuale passaggio al professionismo, al momento rifiutato. Un vice iridato: Niyazymbetov (81) e due bronzi: Yeralyev (56), Abdrakhmanov (60), tutti di alto livello, ai quali si aggiungono pugili che hanno già esperienza nelle edizioni precedenti come il + 91 croato Hrgovic, quindi  il medio ucraino Derevyanchenko, il gallo Alibenkov, il superleggero Ualikhanov,  il massimo Levit che fanno parte della squadra che venerdì affronta allo Rakhat Towers di Almaty i tradizionali rivali dell’Azerbajan, che al momento tengono in cantiere i pezzi da novanta, ma puntano ai vertici della classifica, e tra i tanti ottimi elementi contano sul gigante russo-azero Medzhidov, doppio campione del mondo e campione d’Europa, quest’anno il castigatore di tutti i migliori, compreso il nostro Roberto Cammarelle, con un verdetto severo per l’italiano, che ha fatto capire di non essere contrario alla partecipazione alle WSB, un messaggio per Andrea Locatelli?

Le altre franchigie europee sono Ucraina, Germania e Polonia. La prima ha rinnovato molto, ma non per questo va sottovalutata. Sabato allo Sport Palace di Kiev se la vede con gli USA Knockuts, che mette sul quadrato tre indigeni già sperimentati: Simpson (52), Campbell (81) e Koon (+91) e due uzbeki tosti: Sultonov (60) e Kasimov (69), mentre i padroni di casa contano su tre reduci dai mondiali, quali il campione europeo Ishchenko (60), Lazarev (69) e Ganzulia (81), oltre al +91 Arkhipenko, tutti campioni nazionali e il mosca kirkiso Usenaliev. Lasciando a riposo i vari Kudrykov, Shepelyuk, Butsenko, Berinchyk argento mondiale e olimpico, Mitrofanov e Gvozdyk che sono l’ossatura del team. La Germania ospita l’Algeria ad Hanau e mette subito alla prova i ragazzi di casa, quattro presenti ai mondiali: Touba (52), il vice campione europeo Marutjan (69), Michel (81) e il bronzo mondiale 2011 Pfeifer (+91), oltre a Eminovic (60) debuttante.    Infine la Polonia, inserita in un girone pazzesco, con Kazakistan, Azerbajan, Cuba, Messico e Russia, che gli Hussars vanno ad affrontare a S. Pietroburgo sabato sera. I padroni di casa si propongono al meglio, nel senso che i cinque prescelti sono tutti titolati e di cui abbiamo parlato già. Ayrapetyan (49), Nikitin (56), Zakaryan (64) europeo in carica, Chebotarev (75) europeo 2010 e Nikitaev (91) 27 anni, che nel 2010 vinse il titolo russo, senza più ripetersi.  I polacchi si presentano con questi nomi: Jagodzinski (49), Kozlowski (56), Legowski (64), Jabloski (75) e Kowalski (91) come dire, che questo passa il convento, nessun era presente ad Almaty.  Infine il Messico ospita i cubani, che lo scorso settembre si sono già affrontati sempre a Messico City e la differenza fu netta per il club cubano. Gli ospitanti faranno l’impossibile, aiutati dal caldo pubblico di casa, ma contro Veitia (49), Carranzana (56), Toledo (64), Nicolas (75) e Savon (91) tutti presenti ai mondiali, i ocali Altamirano, Alameda, Romero, Mercado e il francese Coupe sulla carta possono offrire, salvo il primo e il medio, una dignitosa difesa. Un primo turno non solo esplorativo. Questa edizione è decisamente di alta qualità. Venerdì e sabato i primi verdetti.

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi