Antonio De Vitis, nonostante non sia ancora un nome molto ricorrente tra gli appassionati italiani di boxe perché ragazzo riservato e non dedito ad apparire troppo, è uno dei primissimi pugili del nostro paese come mix tra potenza, tecnica e ardore agonistico. Da sempre uno dei migliori pupilli della famiglia Conti Cavini che lo gestisce, il 25 febbraio Antonio, dopo una carriera già ricca di soddisfazioni e di svariati titoli conquistati tra cui il titolo italiano, affronterà lo scoglio più duro e decisivo della sua carriera, combattendo in dodici round contro il campione europeo dei superpiuma Ermano Fegatilli, titolo in palio.

Il match e tutta la riunione, che si svolgerà al Bocciodromo di Savigliano, sarà irradiata in diretta in tutto il mondo da Sportitalia.
-Antonio, come ci si sente davanti alla grande occasione, finalmente?
-Finalmente combatto per il titolo Europeo. Erano anni che attendevo questa occasione, è una grande opportunità e non me la lascerò certo sfuggire…
-Con Fegatilli hai già combattuto qualche anno fa. Che tipo di pugile è e cosa servirà per batterlo?
– Fegatilli è un gran pugile, ho già combattuto contro di lui e mi andrebbe bene anche un match come quello che ho già disputato. Secondo me e molti dei presenti ero io che avevo vinto, ma combattendo “fuori casa” sappiamo come andò a finire… Per batterlo dovrò prepararmi alla guerra sin dal primo gong!
-Brindisi, Savigliano e i tuoi tifosi in generale come vivono questa vigilia?
– Brindisi sinceramente è una città che non offre molto a sport che non siano calcio o basket, invece Savigliano è molto attenta alle iniziative di questo calibro. Voglio vincere anche per ripagare i sacrifici di questa amministrazione e dei suoi cittadini.
-Come ti sei preparato?
-Mi sono preparato a Brindisi per il 50% sotto la guida del maestro Antonio Musio, e qui in Piemonte con il maestro Bruno Vottero e gli sparring che mi danno una mano grandiosa.
-Chi ti senti di ringraziare per questa grande occasione?
-I miei manager, la famiglia Conti Cavini, la città di Savigliano e il Marachella Gruppo che mi segue in questa grande avventura. A tutti dico che il 25 febbraio sul ring vedrete il più forte Antonio De Vitis di sempre!

Andrea Bacci

Di Alfredo

Un pensiero su “Intervista con Antonio De Vitis”

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi