Venerdì 18 Maggio a Borgo San Lorenzo nel corso della “Festa dello Sport” si è svolta la prima serata dedicata alla Boxe. Di scena i pugili delle società Accademia Pugilistica Fiorentina, Boxe Mugello e Boxe Valdisieve, opposti – ad eccezione dei primi due incontri – agli atleti della Livorno Boxe Salvemini.
Aprono la serata i pugili della categoria school boys 60 kg, Dervishaj Marco e Benhassyne Zouhair. Benhassyne in guardia destra fa buon uso del destro in avanzamento, ma non accompagna l’azione con il sinistro. Dervishaj lo contra bene con il destro, ma non è altrettanto efficace in attacco. Incontro pari, che riscatta, anche se solo in parte, la sconfitta che Dervishaj subì lo scorso 29 Aprile.


Il secondo match si svolge fra Platania Luca e Scalcione Gerardo, categoria Junior 50 Kg; Platania, fresco vincitore del Torneo Italia Junior, si trova davanti un pugile esperto -26 match – e difficile da boxare, come ben sapevano i suoi Maestri Boncinelli e Vignoli. Scalcione è un tempista abile a non farsi trovare e ad avere la meglio negli scambi a due mani che caratterizzano il match. Platania, nonostante carattere e tecnica, non riesce ad accorciare e ad imporre il suo pugilato. Per lo Junior dell’A.P.F. si tratta di una piccola battuta di arresto, da mettere nel bagaglio dell’esperienza:  le qualità ci sono e non le scopriamo certo noi.
Segue l’incontro fra i pugili Spagnoli Alberto e Gressani Filippo cat. Elite 2° serie 69 kg; Spagnoli dotato di notevole allungo si dimostra ancora una volta attaccante determinato e continuo, stavolta però si trova davanti ad un pugile abile a sottrarsi al pressing ed a rientrare con colpi rapidi e precisi.  Vince ai punti Gressani.
Arefayne Hermon, cat. Youth e Karafili Kristjan Junior danno vita, per i 57 kg, al quarto match della serata.  Arefayne, pugile brevilineo e rapido, gira sulla sua sinistra per non incappare nel mancino di Karafili, impostato in guardia destra. Arefayne non riesce, se non in qualche caso, a muovere bene la cintura e ad accorciare per essere efficace. Karafili è bravo a colpire con precisione finendo per aggiudicarsi il match ai punti.
Quinto match fra Buti Christian e Tommasini Diego per gli 81 kg cat. 2°serie. Tommasini, dopo aver fatto un buon uso del montante e del diretto destro nel corso della prima ripresa,  del gancio sinistro in guardia rovesciata nella seconda, è costretto a subire il coraggioso ritorno di Buti nel terzo e conclusivo round. Questo, e due richiami dell’arbitro subiti nel terzo tempo, fanno pendere il verdetto a punti per Buti.
Il penultimo incontro è fra Marro Ernesto cat. Elite 1° serie, opposto per i 69 kg al 2° serie De Sanctis Marino. Bella contesa, se l’ aggiudica ai punti – ipotizziamo di misura – De Sanctis, probabilmente per la maggior pulizia dei suoi colpi ed anche per un richiamo inflitto a Marro. Buona comunque la prova di Marro che non cerca l’avversario, ma lo boxa sul tempo e combatte la seconda e la terza con una ferita al naso.
Il match conclusivo è fra Boretti Vieri e De Sanctis Marino cat. 2° serie 75 kg; vittoria sofferta per Boretti che, dopo una buona prima ripresa condotta con efficaci serie di  colpi al volto, talvolta chiudendo  al corpo, frena la sua  azione a partire dalla metà della seconda ripresa. Ne approfitta De Sanctis che viene fuori con colpi corti e buon ritmo, talvolta portati non girando il pugno.  Questo lo porta a subire un richiamo nel corso della seconda ripresa e a vedere vanificati nel computo del conteggio espresso dai giudici alcuni dei suoi colpi.

(Massimo Capitani)

Di Alfredo