39mi Campionati Europei Elite
Ankara (Turchia) 15-25 giugno 2011

Nei +91 Kg. il Capitano Azzurro Roberto Cammarelle non è riuscito a completare il suo palmares perdendo contro il russo Omarov. La rivincita contro la potenza russa è rimandata ai Campionati Mondiali. Medaglia d’argento anche per l’altro campione mondiale Domenico Valentino che nei 60 Kg. ha disputato un ottimo match nonostante nel verdetto di parità sia stato favorito l’atleta di casa Keles. L’Italia conclude comunque bene l’avventura europea con due medaglie di bronzo e due d’argento.


Sul quadrato dello Sport Salonu di Ankara, in Turchia, si è da poco conclusa la trentanovesima edizione dei Campionati Europei Elite, indetti dall’EUBC (European Boxing Confederation) ed organizzati dalla Federazione Pugilistica Turca, che in sette giorni di competizioni hanno visto all’opera ben 261 atleti provenienti da 40 nazioni. Tra queste l’Italia che ha partecipato con dieci atleti. Un’impresa di sicuro non semplice per il tricolore che comunque ha superato il bottino della scorsa edizione in Russia, in cui ha riportato a casa la medaglia di bronzo nei 51 Kg. con l’azzurro Vincenzo Picardi, avendo raggiunto quest’anno quattro podi. Due medaglie ci bronzo, nei 52 Kg. con la riconferma di Picardi e nei 64 Kg. con l’abile Vincenzo Mangiacapre, e due medaglie d’argento, nei 60 Kg. con Domenico Valentino e nei +91 Kg. con Roberto Cammarelle.
“Di certo un risultato migliore rispetto allo scorso anno ma oggi poteva andare meglio”: ha commentato il Presidente della FPI Franco Falcinelli, che ad Ankara ha svolto il ruolo di Presidente della Draw R/J Commission. “Sono molto amareggiato soprattutto per il risultato di Valentino. Come tanti altri, ho visto l’azzurro vincitore e sinceramente il verdetto non ha reso giustizia alla sua prestazione. Si possono predisporre le migliori macchinette conta colpi ma bisogna anche preparare al meglio chi le utilizza che è pur sempre un uomo e che quindi può sbagliare. Mi è dispiaciuto anche per il nostro campione Cammarelle che ho visto sullo stesso piano del suo avversario anche se un po’ provato rispetto al bellissimo match di ieri. Peccato, perché avrei tanto voluto che l’Italia conquistasse un oro ma va bene così perché gli azzurri hanno dimostrato coraggio e voglia di arrivare. Va considerato il fatto che sono arrivati a questo campionato solo al settanta per cento della loro preparazione in quanto l’obiettivo di quest’anno sono i Mondiali ed è qui che daranno il massimo”.
La medaglia più discussa di queste Finali è stata senza dubbio quella dei 60 Kg. in cui il campione mondiale Domenico Valentino, di Marcianise e del Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro, ce l’ha messa tutta contro il turco Fatih Keles, che ha vinto per preferenza dei giudici sul punteggio di 17 a 17. Un match che è iniziato bene per entrambi i pugili, con scambi lunghi e veloci. L’azzurro, nonostante avesse di fronte un avversario chiuso e pericoloso nella corta distanza, ha saputo tenerlo a bada contrastandolo ed imponendosi con un buon gioco di gambe. “Valentino, dopo una prima ripresa equilibrata – ha commentato il  Team Leader e Vicepresidente Federale Alberto Brasca – è andato sotto di un punto nella seconda, stravincendo però la terza. Il verdetto non è stato affatto corrispondente al match che abbiamo visto. Anche Cammarelle ha disputato un incontro generoso in cui non era però al cento per cento, privo di quel dinamismo che lo caratterizza. La sconfitta comunque ci può stare e comunque abbiamo conquistato quattro medaglie che sono significative della presenza di una vera Squadra”.
Nei +91 Kg. l’olimpionico e due volte campione del mondo (nel 2007 a Chicago e nel 2009 a Milano) Roberto Cammarelle non ce l’ha fatta a riscattare gli anni di sacrifici e impegno sul quadrato europeo. Un’occasione mancata per l’azzurro di Cinisello Balsamo, residente ad Assisi ed appartenente al Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro, che oggi è stato battuto per 20 a 14 dal russo Magomed Omarov. Giovane ma agguerrito, Omarov ha boxato in tutte e tre le riprese di rimessa portando colpi veloci e potenti seppur contrastato dallo stile inconfondibile di Cammarelle che non ha risparmiato neanche un colpo. Il Capitano Azzurro, però, non si accontenta: “Potevo fare molto di più – ci tiene a sottolineare – e rispetto a ieri sono stato meno incisivo. Cinque matches sono molti e sicuramente la stanchezza si è fatta sentire ma non sono soddisfatto dell’approccio mentale con il quale ho condotto la gara, anche se all’angolo mi sono molto sconfortato per il punteggio parziale che non ha rispecchiato l’andamento dell’incontro, soprattutto della seconda ripresa. Questo è stato un match di preparazione e ora l’obiettivo sono i Mondiali”.
Per Cammarelle, come per Valentino, Picardi e Mangiacapre l’appuntamento è in Azerbaijan dove dal 22 settembre al 10 ottobre si svolgeranno i Campionati Mondiali Elite validi per le qualificazioni olimpiche ed a cui guardano con fiducia i tecnici federali Francesco Damiani, Raffaele Bergamasco e Giulio Coletta: “A Baku i quattro azzurri medagliati avranno una buona posizione per quanto riguarda le teste di serie, selezionate in questo campionato. Siamo dunque soddisfatti nonostante le cose non siano andate come volevamo. Del resto non era nostra intenzione puntare sugli Europei, a cui abbiamo partecipato per preparare al meglio gli atleti e così è stato”.
A rappresentare l’Italia sul ring turco oggi è stato anche l’arbitro-giudice internazionale Albino Foti che ha arbitrato il match dei 56 Kg., in cui il moldavo Veaceslav Gojan ha battuto per 16 a 14 il russo Dimitry Polyanskiy.

Risultati delle Finali dei 39mi Campionati Europei Elite.
Kg. 46-49 – ALIZADA Salman (AZE) b. GALANOV Belik (RUS) – p.16 a 14
Kg. 52 – SELBY Andrew (WAL) b. BALAKSHIN Georgy (RUS) – p.13 a 10
Kg. 56 – GOJAN Veaceslav (MDA) b. POLYANSKIY Dmitry (RUS) – p.16 a 14
Kg. 60 – KELES Fatih (TUR) b. VALENTINO Domenico (ITA) – p.17 a 17
Kg. 64 – MOYLETTE Raymond (IRL) b. STALKER Thomas (ENG) – p.18 a 10
Kg. 69 – EVANS Fred (WAL) b. NURUDZINAU Mahamed (BLR) – p.14 a 9
Kg. 75 – KOPTYAKOV Maxim (RUS) b. KILICCI Adem (TUR) – p. 18 a 15
Kg. 81 – WARD Joe (IRL) b. IVANOV Nikita (RUS) – p.20 a 12
Kg. 91 – MAMMADOV Teymur (AZE) b. PULEV Tervel (BUL) – 15 a 7
Kg. +91 – OMAROV Magomed (RUS) b. CAMMARELLE Roberto (ITA) – p. 20 a 14

Info e risultati dei campionati su http://eubc-boxing.org/ e www.fpi.it  

Michela Pellegrini
Ufficio Comunicazione e Marketing
Federazione Pugilistica Italiana
Viale Tiziano, 70

Di Alfredo

3 pensiero su “Per Cammarelle e Valentino europei d’argento”
  1. ma quale professionismo e per quali e quanti soldi…..tu mi chiami campioni il veterano oi, di silvio….califano…..tamburrini…vabbe viva il dilettantismo viva le fiamme oro viva i tonei il pugilato è questo. chi decide di fare il professionista ha buone prospettive di fare il morto di fame….non illudente questa gente fategli imparà un mestiere, una professione. col dilettantismo non si fa male nessuno e chi lo pratica prima o poi smette e si dedica a qualcosa più redditizio….

  2. Caro Giorgio. Ma questi non sono mica fessi a passare tra i pro. Stipendio delle FF.OO, pubblicità, Nazionale, Tornei per il mondo con diaria e in ultimo il torneo Dolce e Gabbana. E i nostri professionisti…non fanno una lira e beccano pugni dalla mattina alla sera. E ti rammento che abbiamo grandi pugili che combattono per due soldi e spesso gratis pur di combattere. chi sono? Di Silvio, Califano, Dieli, Tamburrini, Oi (fresco del titolo), Blandamura e tanti altri in cerca di una dimensione. Caro Giorgio, hai centrato l’obiettivo!

  3. Che noia!!..quando ci regalano gli incontri tutti zitti,se ci rubano qualcosa succede di tutto,ma i nostri sono dei giuggioloni tra i bambini in cerca di esperienza..bo!!!!ma perche non hanno fatto come il 99% dei campioni olimpici?..il loro passaggio al professionismo ci avrebbe dato una boccata d’ aria fresca, li tengono dilettanti a fior di bigliettoni, viva la FPI!!

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi