di Gabriele Fradeani

Foto di Max Petrus

Jesi 12/06/2022 – La pugilistica Jesina ha festeggiato il suo centenario, le sue origini risalgono dal lontano 1922, con una bella manifestazione di carattere misto svolta nel palazzetto dello Sport “E. Triccoli” di Jesi, un impianto fra i migliori della regione che per l’occasione si presentava con un pubblico che da tempo non vedevamo alle nostre riunioni e questo sicuramente è uno dei lati più positivi della serata. Dieci combattimenti fra AOB ed uno fra i professionisti pesi massimi leggeri. Nel main event Andrea Keci, al suo secondo match a torso nudo, si è sbarazzato del serbo Milos Pavicevic per abbandono alla terza ripresa conseguendo la sua prima vittoria. Poco da dire se non che, dopo una prima ripresa di studio in cui si sono scambiati pochissimi colpi, quando dalla seconda Keci ha cominciato a portare ganci e montanti ed a cercare la corta distanza, si è subito capito che il serbo non sarebbe durato. Alla terza tornata dopo una valanga di colpi con Pavicevic sull’orlo del Ko, in completa balia di Keci, è volato il provvidenziale asciugamano che ha interrotto il match. Che dire? Keci è apparso forte e determinato ma, solo al suo secondo combattimento, va giudicato più approfonditamente nel prosieguo. Il suo avversario, il serbo Pavicevic, a nostro modesto parere, va fermato prima che diventi un problema  perchè sembra non tenere più assolutamente i colpi. Alla fine del match si è scatenata la gioia della comunità albanese di cui Keci fa parte e che conta una cospicua rappresentanza a Jesi: invasione gioiosa del ring e Keci portato in trionfo.

Fra gli AOB segnaliamo lo jesino Kolodziej Davide, considerato il migliore pugile della serata. Con il suo avversario Di Gioia di Senigallia ha disputato tre ottime riprese con  scambi continui ed una aggressività veramente rilevante. Decisamente buona anche la prestazione del suo avversario. Il migliore match della serata è stato individuato nel confronto fra lo jesino Abroud Jamel e Sembroni Simone della Olympia di Ascoli, vinto da quest’ultimo. Un combattimento molto valido soprattutto sotto il profilo dell’agonismo che i due hanno espresso nel corso dei nove minuti. Forse più tecnico il pugile de Jesi ma dotato di una potenza veramente rimarchevole l’ascolano che ha fatto contare l’avversario in due occasioni; un atleta da tenere d’occhio. Anche l’altro ascolano della Olympia, Mellozzi Riccardo, si è fatto apprezzare in un combattimento con scambi continui in cui ha regolato lo jesino Mujahed Nur. Pareggio fra Pellonara di Jesi e Razguy di Castelfidardo anche se personalmente avevamo visto il secondo. Bene anche lo jesino Cerquetella che ha battuto Piccioni della Ascoli Boxe che ha costantemente ignorato i suggerimenti dell’angolo. Presenti alla riunione il  “vecchio” tecnico Raffaeli, l’ex pugile jesino Baldi, Zamparini, argento olimpico nel ’60,  oggetto di una vera meritatissima ovazione e l’immancabile presidente regionale Luciano Romanella.       

Arbitri Giudici: Lupi Alberto, Ngeleka Musangu, Fabrizio Longarini, Sauro Di Clementi; Commissario di riunione: Oreste Mariani; Medico di bordo ring: Serafino Salvi; Speaker: Kristel Talamonti; Addetto al cronometraggio: David Rocco.

I risultati

Professionisti pesi massimi leggeri: Enea Keci ( Pug. Jesina, kg 89,5) b. Milos Pavicevic (Serbia, kg 85,5) abb. 3^ ripresa.

Junior kg 60: Woch Giacomo (Pug. Fabriano) b. Ricci Damiano (Pug. Jesina); youth kg 71: Orelli Leonardo ( Olympia) b. Dolciotti Federico ( Pug. Jesina); kg 63,5: Kolodziej Davide (Pug. Jesina) b. Di Gioia Mario (Pug. Senigallia); Elite kg 63,5: Carelli Antonello (B.C.Castelfidardo) b. Trillini Davide (Pug. Jesina); Cerquetella Mattia (pug. Jesina) b. Piccioni Eric (Ascoli Boxe); Pellonara Diego (Pug. Jesina) e Razgui Rayen (B.C.Castelfidardo) pari; Mellozzi Riccardo (Ascoli Boxe ) b. Mujahed Nur (Pug. Jesina); kg 71: Castelli Matteo (pug. Jesina) e Bushgjokaj Roberto ( B.C.Castelfidardo ) pari; Fiorentino Alex (GLS Dorica) b. Doda Qamil (Pug. Jesina); Sembroni Simone (Olympia) b. Abroud Jamel (Pug. Jesina).  

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi