di Luigi Capogna

Un’estate sorana che, nonostante l’opprimente canicola e le note limitazioni del Ministero della Salute, sarà animata e rivitalizzata da un grandissimo evento pugilistico imperniato sul match per il prestigioso titolo italiano dei pesi massimi. La manifestazione fortemente voluta e sostenuta dall’Amministrazione Comunale attraverso il Sindaco Roberto De Donatis, l’Assessore allo Sport Daniele Tersigni, l’Assessore alla cultura Sandro Gemmiti e dall’unione sinergica delle palestre “ASD Sora” del vulcanico trainer Stefano Soccodato, la “L. Quadrini” del maestro Raimondo Scala affiancato dal general manager Fabio Campoli e da Marco Sardellitti, la “G.S. Training Cassino” del maestro Giuseppe Tucciarone coadiuvato dall’imprenditore William Tanzi sotto l’egida della Opi Since’82, società di management della famiglia Cherchi, vera istituzione nel mondo della boxe, il tutto con il fattivo sostegno di molte realtà commerciali ed imprenditoriali del territorio si svolgerà sabato prossimo 4 settembre con inizio alle ore 20,30 all’interno dello stadio comunale “Claudio Tomei” di Sora in via Sferracavalli 1.

Insomma uno spettacolare cartellone pugilistico imperniato sulla difesa della cintura nazionale dei pesi massimi tra il detentore Ivan ”Il terribile” D’Adamo e lo sfidante ufficiale “l’isolano” Paolo Iannucci proietterà sicuramente la Ciociaria e soprattutto la città di Sora al centro dell’attenzione nazionale.

Per la cronaca si tratta in assoluto di un evento eccezionale in quanto è difficile riscontrare negli annali pugilistici la disputa di un derby nei pesi massimi con rematch dopo una precedente sfida come quella svoltasi tra i due ad Alatri il 28 aprile 2019 con in palio il Trofeo delle Cinture WBC-FPI che vide trionfare il “santelliano” D’Adamo in virtù di una maggiore incisività e continuità d’azione. I due “colossi” ciociari sono tra i più interessanti fighter neo professionisti degli ultimi anni e quindi degni finalisti sia di quell’importante Torneo che di questo prestigiosissimo titolo italiano. Paolo Iannucci, nato e cresciuto pugilisticamente ad Isola del Liri nella gloriosa palestra della “Franco Valente” ha continuato il suo percorso sportivo sotto l’attenta guida del maestro Gianluca Gabriele disputando tra i dilettanti oltre settanta incontri nelle categorie dei massimi e supermassimi, ottenendo lusinghieri risultati ed importanti successi tra cui il Guanto d’oro nel 2008, Il Campionato Italiano nel 2009 e la medaglia di bronzo ai Campionati Italiani del 2010. Da allora la sua carriera viene messa in forte discussione per una serie di problemi fisici alla schiena. Interrompe l’attività agonistica per riprenderla nel dicembre del 2016 tra i professionisti. Ha esordito nel Trofeo delle Cinture con una schiacciante vittoria contro il siciliano Fabio Piazza acquisendo di diritto la finale e sapendo sconfiggere parte delle sue inquietudini di vita. I tanti tatuaggi che ricoprono parte del possente fisico sono la sola variante a una intensissima attività in palestra dove cerca giornalmente di migliorarsi e maturare. Molto più travagliata e sofferta invece la storia di Ivan D’Adamo che ha fatto il suo esordio a ventinove anni, età  in cui molti pugili appendono a volte i guantoni al fatidico chiodo, e che da allora ha disputato oltre 25 match tra i dilettanti conquistando il titolo di Campione Regionale senior 2016 dei pesi massimi. Da pugile professionista e la sicurezza di un lavoro come operatore ecologico nel comune di S. Elia Fiume Rapido, dove risiede con la consorte Daria e i suoi “gioiellini” Dorian e Gregory di 15 e 9 anni, riesce a conciliare i quotidiani impegni lavorativi con la sua più grande passione: la boxe.

E proprio attraverso la boxe, con la paterna dedizione del suo eccellente maestro Giuseppe Tucciarone, ha saputo reagire e ritrovare certezze e serenità che la vita aveva improvvisamente messo a dura prova. Insomma due assoluti protagonisti che, dopo aver disputato il primo match molto intenso con grande correttezza e sportività, sapranno contendersi ancor di  più in questa importante occasione una ghiotta opportunità di guardare al futuro con nuovi ambiziosi orizzonti. 

La riunione presenta un sottoclou  con altri quattro incontri professionistici di rilievo con il debutto tra i professionisti del promettente e determinato peso massimo ”Dodò” Virgilio Vinciguerra da Piedimonte S. Germano che incrocerà il coriaceo Ignazio Di Bella sulla distanza delle sei riprese. Sarà per il “pedemontano” ed il suo maestro Giuseppe Tucciarone, già noto come “mago dei titoli” una probante verifica delle enormi potenzialità in una categoria dove in tempi abbastanza brevi si potrebbero scalare posizioni di rilievo e raggiungere eccellenti traguardi.

Per i pesi medio massimi l’esperto trentasettenne “romano” di origini africane Omar Ilunga Nguale affronta il pari peso Giuseppe Rauseo per arricchire ulteriormente il suo ottimo palmares e tornare a respirare le sane  atmosfere del ring.

Nei pesi super medi welter l’imbattuto “colleferrino” Cristiano Campoli affronta il trentanovenne toscano di Lastra a Signa Fabio Selvaggio allenato dal maestro Fernando Paradiso e non può permettersi alcuna distrazione nel prosieguo di un cammino sportivo finora perfetto in cui deve far emergere tutto il suo valore come astro nascente del pugilato nazionale e aspirare così  alla prestigiosa corona nazionale della categoria. Questa per Cristiano Campoli quindi è un’occasione in cui dovrà dimostrare tutta la sua verve contro un fighter scorbutico che si batte sempre con coraggio e generosità.

Nei pesi leggeri l’ex campione italiano Vincenzo Finiello dopo l’ultimo match disputato a Sora il 28 agosto dello scorso anno dove ha conquistato l’agognato titolo italiano, rientra con tanta determinazione per dimostrare la sua intatta integrità fisica e mentale, affrontando sulla distanza dei sei round il ventinovenne nicaraguegno Lester Cantillano, uno smaliziato girovago del ring che in ogni occasione ha dimostrato un pugilato semplice ma efficace.

Gli organizzatori tutti, gli sponsor e gli addetti ai lavori all’unisono si augurano che lo stadio comunale di Sora, curato scenograficamente con l’abituale professionalità dalla Ring Service di Giampaolo Di Vetta, nel rispetto delle distanze di sicurezza secondo le disposizioni ministeriali anti Covid, venga occupato in ogni ordine di posto disponibile e che questa grande serata di boxe, impreziosita dalla voce inconfondibile di Valerio Lamanna “Ring Announcer” di fama internazionale, possa essere vissuta da tutti con emozionante partecipazione. Le operazioni di peso e la relativa conferenza stampa avranno luogo venerdì 3 settembre alle ore 12,00 presso la sala consiliare del comune di Sora.

 

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi