Nella seconda edizione di The Art of Fighting, sabato 19 novembre al Palazzo dello sport di Meda (città a 30 minuti da Milano famosa a livello internazionale nel settore del design), il campione d’Italia under 22 di pugilato Francesco Paparo affronterà Simone Carlin sulla distanza delle 6 riprese. Si tratta di una rivincita: la prima sfida, svoltasi il 19 marzo scorso al Palasport Salvador Allende di Cinisello Balsamo sulla distanza delle quattro riprese, è terminata in parità. Organizzato da Edoardo Germani e Luca Cecchetti,  The Art of Fighting 2 sarà presentato dalla bellissima conduttrice televisiva Francesca Agnati e da Valerio Lamanna, la voce degli sport da ring in Italia. Nel clou, il medese Luca Cecchetti sfiderà il portoghese Fredo Cordeiro sulla distanza delle 3 riprese da 3 minuti ciascuna, in un match di kickboxing con le regole dello stile K-1 (pugni, calci e ginocchiate).  “Voglio ringraziare il nostro main sponsor Puro Design Arredamenti di Paderno Dugnano e Garbagnate Milanese – dichiara Edoardo Germani – che ha dimostrato di credere nel nostro progetto di organizzare un evento di alto livello nel territorio della provincia di Monza e Brianza. I biglietti per la manifestazione del 19 novembre costano 30 Euro (tribuna). Si possono acquistare su TicketOne.it scrivendo The Art of Fighting in ‘ricerca artisti o eventi’. I posti a bordo ring sono già finiti. Il PalaMeda ha 1.200 posti, contiamo di fare il tutto esaurito.”

Il presidente del comitato regionale lombardo della Federazione Pugilistica Italiana Massimo Bugada, al secondo mandato, ha avuto parole di elogio per The Art of Fighting e per il movimento lombardo: “The Art of Fighting dimostra che il movimento pugilistico in Lombardia è in piena attività: abbiamo nuovi imprenditori che si dedicano all’organizzazione di eventi di pugilato, nuovi pugili, maggiore visibilità sui mezzi di comunicazione, la diretta o differita televisiva, tutto quel che è necessario per far crescere il nostro sport. Il nuovo campione d’Europa dei pesi gallo Alessio Lorusso è il miglior esempio della  qualità dei nostri pugili. Non dimentichiamo Daniele Scardina che, insieme a Giovanni De Carolis, ha riempito lo storico PalaLido-Allianz Cloud lo scorso 13 maggio. Erano molti anni che non si vedevano 4.500 spettatori ad una manifestazione di pugilato a Milano. Il nostro sport vive di momenti: il pugile più in forma la sera del combattimento, vince. Sono convinto, quindi, che in un’eventuale rivincita tra Scardina e De Carolis lo svolgimento del match potrebbe essere diverso. Magari non sarebbe diverso il risultato, ma il combattimento sì. Sarò certamente alla seconda edizione di The Art of Fighting il 19 novembre al PalaMeda.”

Francesco Paparo è un pugile del Francis Boxing Team di Rho. Allenato da Francis Rizzo, che è anche suo zio, Paparo ha uno stile simile a quello dell’ormai leggendario campione olimpico e mondiale Vasily Lomachenko e questo ha indotto i suoi compagni di palestra a soprannominarlo “King Papachenko”. Da professionista, Paparo ha disputato solo il match contro Simone Carlin, terminato in parità. Carlin, invece, ha un record di 1 pari ed 1 sconfitta. Nel pugilato, un match tra due agonisti con esperienza simile quasi sempre è molto più spettacolare di un combattimento tra un fuoriclasse ed un mestierante. Infatti, la prima sfida tra Paparo e Carlin è piaciuta al pubblico. 

Francesco, il 19 novembre conti di battere Simone Carlin?

“L’ho già battuto la prima volta. Solo i giudici hanno visto un pari. Il 19 novembre, al PalaMeda, vincerò in modo netto e nessuno potrà mettere in discussione il risultato.”

Con quali pugili ti stai allenando?

“Mi alleno con pugili di varie palestre. I miei sparring partner preferiti sono Andrea Lo Sicco del Francis Boxing Team e il campione del mondo dei pesi paglia di muay thai di One Championship Joseph Lasiri del Team Kick and Punch di Angelo Valente. La muay thai prevede pugni, calci, gomitate, ginocchiate e proiezioni, ma Joseph è davvero bravo nella parte pugilistica. Ho fatto sparring anche con l’attuale campione d’Europa dei pesi gallo Alessio Lorusso.”

 

Oltre al pugilato, hai un lavoro? 

“Si, lavoro in un’azienda che produce scarpe. Comunque, sono totalmente concentrato sulla mia carriera di pugile e voglio ottenere la mia prima vittoria da professionista a The Art of Fighting 2”.

 

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi