ANTONIO DE VITIS DAVANTI AL PUBBLICO FESTANTE DI BRINDISI. SCONFITTA PER MICHELE BESTIACO.

de-vitis-1E’ stato un  grande successo di spettacolo e di pubblico, con emozioni che si sono sprecate, ma come del resto era facile prevedere. A Brindisi è stata finalmente protagonista la grende boxe nella serata organizzata da Rosanna Conti Cavini, dalla “Eventi & Progetti”, in collaborazione con la Pugilistica Rodio, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Brindisi. Il match clou era quello di Antonio De Vitis, il campione Intercontinentale Wbf dei superpiuma, che è residente in Piemonte ma che è nato e cresciuto proprio nella città pugliese, opposto sulle otto riprese al nicaragiense Ronny McField. Nelle prime tre riprese De Vitis ha imposto la sua boxe, fatta di tecnica e potenza, e l’avversario pareva subire e non poter replicare. Improvvisamente, al quarto round, McField ha fatto partire un gancio destro che De Vitis ha accusato. Andato al tappeto, il ragazzo di Umberto e Rosanna Conti Cavini ha saggiamente temporeggiato, recuperando del tutto nella quinta ripresa. Nelle ultime tre il match è tornato saldamente in mano di De Vitis, che ha prima scosso più volte l’avversario, quindi ha amministrato fino al gong finale. Del tutto meritata la vittoria finale ai punti, in un match che ha anche confermato la grande tenacia e la freddezza anche nei momenti difficili del già campione italiano e di altre sigle internazionali. Per De Vitis si può quindi certamente programmare un match con grande cintura in palio.

Serata sfortunata invece per il superwelter triestino Michele Bestiaco, che ha dovuto cedere ai punti in sei riprese alla maggiore esperienza del pugliese Rocco Di Palmo.

Ufficio stampa Rosanna Conti Cavini

Di Massimo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi