Signani MatteoQuattro vittorie e due pareggi su sei incontri per i pugili reggiani ieri pomeriggio al Palahockey Fanticini nel tradizionale Santo Stefano Pugilistico organizzato dalla Boxe Promotion Cavallari e dalla Boxe Tricolore. Grande spettacolo tra i dilettanti, con le nuove leve sfornate dalla palestra di Cavazzoli che hanno dimostrato come il pugilato reggiano, oltre ad avere un passato, ha anche un presente e un futuro, grazie allo straordinario lavoro dei maestri Antonio Midli, Valentino Manca e Massimo Bertozzi. Il migliore degli esordi possibili per il neoprof targato Cavallari Alex Del Bello, che ha vinto per ko alla seconda ripresa contro il romeno Ciubotaru. Ottima cornice di pubblico, presente a bordo ring anche l’ex campione del mondo (fino a pochi giorni fa) dei massimi-leggeri Giacobbe Fragomeni.
Grande vittoria, tra gli applausi, di Annalisa Ovi, che ha ottenuto la seconda affermazione su altrettanti match disputati battendo ai punti Chiara Buzzatti: l’avversaria ravennate era dotata di maggior esperienza (7 incontri e dieci anni in più) e soprattutto di un maggior allungo, ma Annalisa l’ha attaccata dall’inizio alla fine con grande coraggio.
Ottimo esordio, quasi in scioltezza, per il 15enne mancino Alessandro Ferretti, che ha dimostrato una stoffa non indifferente contro l’altro ravennate Leonard Leti (al quarto incontro, e più vecchio di tre anni). I giudici hanno decretato un pareggio, ma le qualità mostrate dal reggiano fanno ben sperare per il futuro.
Match durissimo e intenso per il superwelter Saverio Sapia contro il budriese Nicolas Gandolfi: vittoria di un soffio per il reggiano, che aldilà del verdetto ha fatto vedere buone qualità e ampi margini di miglioramento.
Quattro riprese dure ma di grande cuore anche per il peso massimo Antonio Paciolla, che ha pareggiato soffrendo ma senza mai cedere un centimetro contro il ferrarese Alex Magosso, ben più alto del reggiano.
Nell’ultimo match “senza caschetto” grande prestazione per il medio Matteo Neri, premiato come miglior pugile dilettante della manifestazione, che ha battuto ai punti il coriaceo Samuel Savoia di Budrio, mostrando combinazioni veloci, precise, potenti ed efficaci.
Passando ai professionisti del team Cavallari, Milena Tronto ha pareggiato contro Perla Bragagnolo della Pandolfi Boxing Team: un buon test in vista dell’europeo dei gallo che la Tronto dovrebbe disputare entro febbraio.
Vittoria ai punti per il medio Matteo Signani (nella foto) contro Ben Lelly del team Loreni: il tesserato Cavallari ha cominciato in scioltezza dimostrando un ottimo stato di forma, poi nel secondo round un taglio sulla guancia causato da una testata fortuita dell’avversario lo ha costretto a concludere il match senza esporsi troppo, in quanto il prossimo 29 gennaio dovrà combattere per il titolo italiano della categoria contro Gaetano Nespro a Savignano sul Rubicone.
Nell’ultimo incontro l’atteso esordio da professionista del superwelter reggiano Alex Del Bello, impegnato contro l’esperto romeno Andrei Ciubotaru. Esame superato a pieni voti: inizio all’attacco e durante la seconda ripresa un suo terribile montante sinistro al fegato ha spento la luce all’avversario. Netto ko, e avanti così in attesa di test più impegnativi.

Francesco Ventura – addetto stampa Boxe Promotion Cavallari

Di Alfredo

Un pensiero su “Il Santo Stefano a Reggio Emilia”

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: